CONDIVIDI
Didascalia di probva

GDS LIGHTING PRESENTA “EIDOS” ALLA FIERA LIGHT+BUILDING 2024

By ADV
Pubblicato il
15 Marzo 2024

Il padiglione Italia con la presenza della santa sede

In Giappone nel 2025, tra poco più di un anno, precisamente nella città di Osaka, si terrà dal 13 aprile al 13 ottobre l’esposizione universale, un evento che si tiene ogni cinque anni e che dura ben sei mesi. Incaricato del progetto del Padiglione Italia è MCA – Mario Cucinella Architects e, per la prima volta, il nostro padiglione nazionale ospiterà al suo interno anche lo spazio dedicato alla Santa Sede. Per il Padiglione Italia è stato nominato commissario generale Mario Andrea Vattani, mentre per la Santa Sede l’incaricato è Mons. Rino Fisichella.

Progettare la società futura per le nostre vite

Prova

Il tema generale dell’expo è Designing future society for our lives ossia progettare la società futura per le nostre vite, con i tre sottotemi saving lives, empowering lives e connecting lives – salvare, potenziare e connettere vite. Il nostro padiglione prende spunto da questi temi che mettono in primo piano l’essere umano, interpretando “l’arte rigenera la vita”.

La Santa Sede in particolare ha come tema “La bellezza porta speranza”: la via pulchritudinis ha da sempre costituito un veicolo efficace per comunicare il cuore della fede. Per l’area Italia l’architetto Mario Cucinella, fondatore di MCA, ha scelto il concept della “Città ideale”. La città ideale è un argomento tipico della nostra cultura architettonica con tanti esempi concreti nel territorio, come Urbino, Pienza e Palmanova.

Tre gli elementi della città ideale rappresentati nel padiglione

Per noi l’arte è intessuta nel contesto che viviamo tutti i giorni. È un’esperienza quotidiana, la città ideale più che un’astrazione utopica è rappresentata concretamente nella geometria urbana estetica e “politica” della piazza con la presenza di un edificio pubblico e una chiesa. Il progetto del Padiglione nasce da tre elementi architettonici classici: il portico, il teatro e il giardino.

Prova
Prova

Il Portico

Il Padiglione sarà una struttura viva del saper fare italiano antico e contemporaneo che tutto il mondo ammira e che accoglierà eventi artistici, scientifici, imprenditoriali, sociali. I visitatori entrano dal fronte principale costituito da un grande portico, alto come tutta la facciata, in uno spazio d’incontro coperto. Da lì accedono al cuore espositivo ed esperienziale all’interno della costruzione che consente alla luce del cielo e del mare di attraversarla.

Il Teatro

I visitatori avranno la sorpresa della presenza di un teatro all’interno. La prima espressione della realtà virtuale nella storia è forse proprio il teatro che nella nostra cultura si è manifestata soprattutto con l’opera, il melodramma. Il teatro qui rappresenterà la città, il verde e le infrastrutture del futuro: si entra da una macchina scenica e ci si trova in una piccola città con le “botteghe” dove ci saranno mostre permanenti e temporanee e un auditorium per gli incontri e i convegni. Il percorso farà vivere spazi urbani e modi di socializzare di possibili scenari futuri. È un approccio inclusivo e sociale per valorizzare qualità e artigianalità in connubio con le nuove tecnologie che affronta temi come tecnologia ed energia, alimentazione ed ambiente, manifattura e design, arte e architettura.

Prova

Il giardino all’italiana in chiave contemporanea

In cima al padiglione, adagiato sul tetto, verrà approntato un giardino, un grande ring, una passeggiata aerea che si svolge in una sorta di labirinto che al suo interno cela opere d’arte, sculture, materiali. È un luogo di svago con annesso un ristorante con terrazza da cui si vede il mare. Il progettare e mettere in atto giardini è un modo di prendersi cura della natura, implica un sentimento, un approccio che richiede un continuo intervento e pensiero, in bilico tra la sfera naturale e artificiale.

Sostenibilità del padiglione

L’expo occupa un’isola artificiale, fatto di cui si è tenuto conto nella progettazione che è partita da un’attenta analisi del microclima locale. La proposta ha un approccio che promuove un’economia circolare interna al sito, considerando aspetti quali l’origine naturale dei prodotti, la filiera corta, il contenuto di riciclato, l’assenza di ingredienti tossici e la disponibilità di certificazioni. Per esempio il materiale di costruzione, il legno, proviene da filiere locali certificate. Il Padiglione, una volta terminato il suo ciclo di vita alla fine dell’expo, verrà smantellato e tutto il materiale riutilizzato nell’ottica della sostenibilità. Ogni singolo elemento avrà caratteristiche materiche, di design, tecnologiche tali da consentire la loro trasformazione, senza subire successive lavorazioni, per potersi adattare a nuove esigenze.

Obiettivi del padiglione

“Al termine dell’esposizione questo ‘laborato­rio Italia’ dovrà diventare un archivio da mettere in mostra, una banca dati di best practice, brevetti, opere, idee sostenibili, collaborazioni tra intelligenza umana e intelligenza artificiale, successi sociali in termini di integrazione, di partnership commerciali tra aziende e accordi tra Paesi, perché l’arte rigen­era la vita. L’Italia già nel Rinascimento si è fatta laboratorio di genialità e capitale globale dell’arte e dell’innovazione”.

Opportunità per le imprese

Prova

L’esposizione universale prevede un pubblico in larga parte giapponese, ma anche asiatico: sono attesi almeno 30 milioni di visitatori. I giapponesi ci conoscono bene e da lungo tempo, abbiamo una grande affluenza di turisti dal Giappone in Italia, ma parte dei visitatori dall’Asia, che si spera divengano i nostri interlocutori del futuro, verranno alla scoperta non solo del made in Italy più celebre come la moda, il design e il food, ma anche della nostra tecnologia, la nostra ricerca e le nostre aziende.

Per questo motivo il padiglione non è pensato per essere solamente un momento concettuale, ma un luogo dove le aziende possono raccontarsi e presentarsi e anche per mostrare il know-how e la capacità di “pensare con le mani” dove prima di fare c’è un pensiero lento per poter poi andare veloci.

La dichiarazione di Mario Cucinella

“Progettare il Padiglione Italia per l’Expo di Osaka 2025 è un’opportunità unica per la creazione di un vero e proprio palcoscenico in cui non solo mostrare – a un pubblico globale – cultura, storia e innovazione del nostro Paese, ma creare un luogo in cui tessere connessioni: per future collaborazioni, per rafforzare legami per scambi culturali, sociali ed economici. In linea con il tema Saving lives e con gli obiet­tivi degli SDGs, il progetto e le conseguenti scelte compositive, tecnologiche e materiche, si faranno promotori di un rinnovato equilibrio tra uomo, natura e tecnologia e potrà diventare un potente strumento per promuovere, ispirare azioni e istau­rare nuove sinergie per lo sviluppo di un futuro più sostenibile. Il Padiglione rappresenta una nuova idea di società e di città: un organismo vivente in cui le relazioni fra uomo, arte, ambiente e storia possano materializzarsi.”

Team

MCA – Mario Cucinella Architects Surl, capofila /capogruppo
Geologo Claudio Preci
MILAN Ingegneria Spa
BEYOND LIMITS
TEKSER Srl
NISHIO RENT ALL CO., LTD
Zeranta Edutainment Srl
NOMURA CO., LTD
GAE Engineering Srl
AoR – YOSHIKI MATSUDA ARCHITECTS

Newsletter

STAY UPDATED ON ALL THE NEWS

Resta sempre aggiornato sul mondo della luce. Iscriviti alla nostra Newsletter
LUCEWEB significa tendenze, scenari e innovazione della luce in relazione al design, all’architettura, alle città e all’arte. Una piattaforma editoriale integrata (cartacea, digitale e web) che racconta come la luce influenzi e cambi i luoghi del nostro abitare, la scenografia delle nostre città e migliorare l’ambiente. Ogni giorno pubblichiamo notizie per comunicare e scoprire percorsi inaspettati e sorprendenti in cui la luce è protagonista