LUCE 346 | ANTEPRIMA


click here for the english version

346

Anno 61
Dicembre 2023

Rivista fondata da AIDI nel 1962
Direttore Mariella Di Rao

 

 

In questo numero:

EDITORIALE 

di Mariella Di Rao

Questo è un numero speciale. Lo è innanzitutto per me in quanto chiude il mio primo anno da direttore di LUCE con un bilancio ricco di bellissime esperienze umane e professionali. E poi perché si tratta di un numero ricco di contenuti e di novità che, man mano, si sono sedimentate e sviluppate durante il corso dell’anno con incontri, confronti e riflessioni.  A cominciare da un restyling grafico delle pagine interne realizzato dall’art director Lorenzo Mazzali e da una “copertina d’autore” disegnata apposta per LUCE da Ico Migliore architetto e famoso designer che ha ricevuto ben due compassi d’oro.  Il disegno rappresenta parte importante di una comunicazione visiva che è presente all’interno della rivista anche con l’introduzione di una pagina di fumetto ideata e costruita da due giovani fumettisti Alberto Philippson e Deborah Madolini…


INCONTRI

SCRIVERE CON LA LUCE: LA FOTOGRAFIA DI NINO MIGLIORI 
di Pierluigi Masini

LUCE incontra Nino Migliori che ci racconta la sua esperienza di fotografo, la sua inesauribile curiosità e il suo continuo desiderio di sperimentare, spiegando come la luce influisce nella sua arte e domina la nostra vita. “Ho voluto sempre cercare nuovi linguaggi, senza differenze tra tecnologie, tra pellicola e digitale. E uso anche il cellulare, eccome. Tutto passa attraverso il mio punto di vista che non è mai oggettivo, la rappresentazione è sempre infedele. Io sono un infedele. Un mio lavoro l’ho chiamato proprio Paesaggi infedeli…. Cerco di esprimermi usando la macchina fotografica e anche la luce, per forza, perché altrimenti non potrei farlo. Il mio è un tentativo di valorizzare il piacere della luce rispetto al buio. Buio che significa non vedere, non sentire….”


INCONTRI

ARTE, CINEMA E NATURA NELLA LUCE DI ICO MIGLIORE E MARA SERVETTO
di Monica Moro

Un dialogo di progetto, così possiamo descrivere l’intervista a più voci che si è svolta per LUCE nell’Atelier Migliore+Servetto, lo studio di progettazione a Milano che ripercorre i passi di una “bottega” rinascimentale inserita già nel futuro. Parliamo con i fondatori Ico Migliore e Mara Servetto, quest’anno ambasciatori in Corea e in Francia all’Italian Design Day 2023, dei loro più recenti progetti tra cui la sede di The Human Safety Net (THSN) nelle Procuratie Vecchie in Piazza San Marco a Venezia e a Milano le aree del common ground di MIND e l’ADI Museum e altri in divenire. Nei loro lavori la luce ha sempre un ruolo guida che si esprime al massimo nella creazione di una drammaturgia che contribuisce a creare ambienti coinvolgenti, con una forte identità e caratterizzati da un costante dialogo della luce artificiale con quella naturale…


INCONTRI 

PASCAL MÉRAT: “LA MIA LUCE HA IL COLORE DELLA MUSICA”
di Cristina Tirinzoni 

LUCE incontra il lighting designer Pascal Mérat che racconta la sua esperienza e il rapporto tra luce e musica nel teatro che ha sempre permeato i suoi progetti fino al suo ultimo lavoro, il Don Carlo di Giuseppe Verdi che ha inaugurato il 7 dicembre la stagione lirica della Scala di Milano. “Ho seguito con estrema attenzione i colori orchestrali. Dalla musica capisci quale intensità deve avere la luce, senza però farti prendere dall’emozione della musica stessa…. La luce ha moltissimo a che fare con la scansione del tempo. Il tempo utilizzato per far apparire o scomparire le diverse fonti luminose, il momento preciso in cui le immagini si formano e si dissolvono sulla scena. Voilà: questo è il dinamismo della luce. In un’opera lirica, la luce va a tempo di musica…”


LUCE SUI GIOVANI

L’INFLUENZA DELLA LUCE NATURALE NEL MERCATO IMMOBILIARE: UN CASO STUDIO A TORINO
a cura della redazione

A partire da questo numero, all’interno della rubrica “Luce sui giovani” sarà pubblicata una tesi tra quelle inviate in AIDI o in redazione valutate meritevoli di pubblicazione. Iniziamo con quella di una studentessa Serena Loro del Politecnico di Torino dal titolo “L’influenza della luce naturale nel mercato immobiliare: un caso studio a Torino” che ha ricevuto il premio “Mario Bonomo” durante la cerimonia di premiazione promossa da AIDI che si è svolta a Milano lo scorso 1° dicembre…


ASSOCIAZIONI

LA LUCE COME PRIORITÀ

LA STRATEGIA 2023 DI LIGHTINGEUROPE
di Pietro Mezzi

Dalla fine dello scorso giugno Elena Scaroni è il nuovo segretario generale dell’importante Organizzazione che oggi raggruppa 31 tra associazioni di categoria e imprese del comparto illuminotecnico. In questa intervista spiega ai lettori di LUCE gli obiettivi della Vision 2030 del sodalizio europeo spiega le strategie e gli obiettivi dell’Associazione fino al 2030 che porteranno interessanti novità per il settore dell’illuminazione…


PROGETTARE LA LUCE

LA NUOVA LUCE DELLA CA’ D’ORO: ESEMPIO DI METAMORFOSI RITMICA E PERCETTIVA

INTERVISTA AD ALBERTO PASETTI BOMBARDELLA
di Jacqueline Ceresoli 

L’architetto e lighting designer Alberto Pasetti Bombardella autore del progetto di illuminazione della facciata della Cà d’Oro a Venezia, mette in luce l’interazione tra morfologia architettonica del famoso Palazzo con l’impressione percettiva della sua riflessione nella laguna, grazie a un progetto “pittorico” e rivelatore di nuove narrazioni emotive. In questa intervista scopriamo come è stato possibile e perché il progetto site-specific diventerà paradigma di un nuovo approccio luministico – percettivo – spaziale che modifica la percezione di ciò che si vede attraverso la luce riflessa nell’acqua…


PROGETTARE LA LUCE

NON SOLO DIAMANTI BRILLANO AD ANVERSA

CON LA  NUOVA ILLUMINAZIONE RINASCE LA STAZIONE CENTRALE
di Federica Capoduri 

Un’intervista all’architetto e lighting designer Susanna Antico ci svela e illustra il progetto di illuminazione della “Cattedrale dei Binari” della brillante città fiamminga. Un progetto che non rappresenta solo un ottimo esempio di buona illuminazione, ma anche di proficua collaborazione proficua tra il lighting designer e la committenza pubblica del Comune di Anversa. “Noi lavoriamo sempre prendendo in considerazione lo spazio, i principi della percezione e, chiaramente, tenendo conto delle richieste di progetto. In questo caso, in maniera molto chiara, il committente ha scritto nel bando di concorso di realizzare la stazione più bella del mondo…”


RICERCA E TECNOLOGIA 

LUCE E COLORE: OLTRE LA SOLITA FISIOLOGIA
di Andrea Siniscalco  

Il fenomeno della visione rappresenta una parte significativa della nostra percezione in quanto esseri umani. Ci si trova spesso a sottovalutarlo dandolo per scontato, ma la perdita, anche solo parziale, della vista è un evento estremamente invalidante per coloro che hanno la sfortuna di subirlo. Considerazioni che possono risultare banali, tuttavia la percezione visiva non consiste solamente in un sofisticato meccanismo per evitare collisioni o identificare persone o oggetti. Vedere, ci dà la possibilità di emozionarci per un tramonto o anche di godere degli effetti benefici che la luce esercita sul nostro organismo. La nostra visione del modo (ossia i colori che vediamo) non è assoluta, ma è il risultato dell’interazione fra l’energia, la materia e l’“hardware” che compone il nostro sistema visivo. Per farla breve, è il nostro sistema visivo formato da occhi, nervi ottici e cervello che (grazie alla corteccia visiva primaria) interpreta l’energia che riceve, creando i colori così come li conosciamo…


RICERCA E TECNOLOGIA

LIGHTING E AUTOMOTIVE: COMUNICARE CON LA LUCE 
di Elisa Belloni, Mariella Di Rao 

I fanali delle auto sono da sempre un elemento chiave per consentire al conducente di vedere bene durante la guida e, allo stesso tempo, rendere l’auto visibile agli altri utenti che si trovano a percorrere la strada di notte o in condizioni di scarsa visibilità. L’obiettivo principale rimane sempre lo stesso: garantire il massimo livello di sicurezza, tenendo anche conto dell’impatto visivo che il mezzo ha sulla strada e implementando nuovi gruppi ottici con importanti funzioni comunicative.

LUCE ha incontrato Roberto Barbieri CEO di Osram Illuminazione che ci ha raccontato dello stato dell’arte e degli scenari futuri del ruolo dell’illuminazione nel settore dell’automotive dove l’auto sarà sempre di più concepita come il “terzo spazio vitale” e questo comporterà la ricerca di elevati e sofisticati standard di comfort e personalizzazione degli interni…


SPECIALE

COMFORT VISIVO E LUCE DINAMICA
di Laura Bellia, Stefania Dalla Torre, Cristina Ferrari, Lorella Primavera 

Nello speciale di questo numerosi affronta il tema del rapporto tra confort visivo e luce dinamica dove si indaga sulle cause di resistenza alla completa adozione del concetto di human centric lighting approfondendone sfide e opportunità. La luce è strettamente legata al bioritmo umano e condiziona il nostro stato d’umore, la concentrazione e la qualità del sonno. Negli ambienti interni, di conseguenza, una concezione illuminotecnica di tipo dinamico serve a riprodurre le caratteristiche della luce naturale necessaria per garantire i ritmi circadiani e incrementare il senso di benessere degli individui accompagnandoli in modo corretto nei vari momenti che scandiscono la loro quotidianità…


LIGHT ART 

COSMOGONIE LUMINOSE DI DOMENICO PELLEGRINO 
di Paolo Calafiore 

LUCE incontra Domenico Pellegrino, abile manipolatore della materia e del colore. Le sue opere spaziano dalla scultura policroma che rivisita le gesta dei Superheroes, catalizzati nelle iconiche pose impresse nell’immaginario pop, fino a irrompere e impossessarsi delle preziose tessiture luminescenti delle luminarie, ricodificandole in nuove forme che oscillano tra l’antico e rituale simbolismo delle feste religiose siciliane, e di nuovi intarsi di luce policromi che dialogano con l’architettura e lo spazio attraverso sorprendenti installazioni site specific. “Arrivare alla luce è stato un percorso naturale. I miei studi, il mio percorso così fortemente connesso allo studio delle tradizioni siciliane e mediterranee, la voglia di riscrivere nuove icone del Mediterraneo, mi hanno portato a disegnare con la luce. Riscoprire le lampadine che adornano le feste religiose e utilizzarle come un pittore fa con il suo pennello…”


CORRISPONDENZE 

FLAGSTAFF, LA CITTÀ DELLE STELLE 
di Matilde Alessandra 

Nel 2001 Flagstaff, città di 100.000 abitanti nel nord dell’Arizona (USA) è stata la prima al mondo ad essere designata International Dark Sky City, ovvero Città del cielo scuro. Un esempio di sostenibilità contro l’inquinamento luminoso dove sorge uno dei più importanti osservatori del mondo e si può ammirare la Via Lattea ad occhio nudo. LUCE ha intervistato Jeffrey Hall, astronomo, direttore esecutivo del Lowell Observatory che ha contribuito a far diventare Flagstaff la prima International Dark City…


Sul numero di LUCE 346 | 2023 tanti altri articoli, interviste e approfondimenti.
Siamo sempre alla ricerca di nuovi suggerimenti e idee per capire, spiegare e far conoscere il mondo della luce italiana e internazionale. Continuate a leggerci e scriveteci.

 

 

LETTERE AGLI ESPERTI

La rubrica Lettere agli Esperti, uno spazio dedicato ai lettori dove possono esporre idee, commenti e porre domande sulla luce e sui suoi diversi e ampi ambiti di applicazione. Le lettere vanno inviate a [email protected]  

 


INCONTRI

 

ALBERTO BARBERA: UNA VITA PER IL CINEMA
di Mariella Di Rao 

FONDAZIONE BRESCIA MUSEI: PALCOSCENICO ARCHEOLOGICO CONTEMPORANEO 
di Jacqueline Ceresoli 

RON GILAD: LA LUCE CHE NUTRE L’EMOZIONE
di Monica Moro

EMILIANA MARTINELLI: “MI PIACE RICREARE LE EMOZIONI CHE VEDO IN NATURA” 
di Pierluigi Masini 

LA MERAVIGLIA DI ANDARE OLTRE. A COLLOQUIO CON EMANUELE PACE  
di Federica Capoduri 


ASSOCIAZIONI

MILANO: DA “CITTÀ DEI LUMI” A “CITTÀ DI LUCE”
di Fabrizio Trisoglio 


PROGETTARE LA LUCE

SCENOGRAFIE DI LUCE NEL TESSUTO URBANO. ILLUMINAZIONE ARCHITETTURALE DELLE “EMERGENZE STORICHE” DELLA CITTÀ DI VICENZA
di Alessandra Reggiani 


ARCHITETTURA

BIENNALE DELLO STRETTO: IL MEDITERRANEO COME NUOVA LATITUDINE DI PENSIERO, CONFRONTO E ASCOLTO  
di Giulia Ottavia Silla 


RICERCA E TECNOLOGIA 

 

30ESIMA SESSIONE QUADRIENNALE CIE 2023: RIFLESSIONE SULLA CONCLUSIONE DEI LAVORI E SUI RISULTATI OTTENUTI  
di Anna Pellegrino

L’OTORINOLARINGOIATRA, IL MEDICO CON LA LUCE IN TESTA
di Rosario Marchese Ragona  


SPECIALE COMFORT VISIVO E LUCE DINAMICA 

HUMAN CENTRIC LIGHTING: BENEFICI, SFIDE E POSSIBILI EVOLUZIONI
di Laura Bellia, Lorella Primavera 

PROGETTARE LA LUCE NEI LUOGHI DELLA FORMAZIONE    
di Stefania Dalla Torre, Cristina Ferrari 


SOSTENIBILITA’ 

NATI PER CRESCERE: PARLA ALESSANDRA ASTOLFI, LA NUMERO UNO DI KEY    
di Pietro Mezzi 

INQUINAMENTO LUMINOSO: WORKSHOP INTERNAZIONALE LUNGO LA VIA FRANCIGENA 
di Marco Nozza 


LUCE SULLE REGOLE  

LE AZIONI DI AIDI VERSO GLI ENTI NORMATIVI E PUBBLICI  
di Matteo Seraceni 


CORRISPONDENZE 

LA CONNETTIVITÀ STA CAMBIANDO IL FUTURO DELL’ILLUMIINAZIONE. LIGHT + BUILDING PORTA A FRANCOFORTE TENDENZE E INNOVAZIONI DEL LIGHTING DESIGN  
di Sielo Longo 


RECENSIONI 

LA LUCE NEL TEATRO: MARCO FILIBECK, IL CREATORE DI IMMAGINI  
di Giulia Ottavia Silla 


MAKING OF

SISTEMA LTM. L’ILLUMINAZIONE DI UNA SMART HIGHWAY: IL PROGETTO DI REVETEC NEGLI EMIRATI ARABI 
di Cristina Ferrari

EIDOS, LA NUOVA FORMA DI ILLUMINAZIONE STRADALE     
di Cristina Ferrari


GEN Z LIGHTS 

GEN Z LIGHTS 
di Deborah Madolini, Alberto Philippson