Articoli in categoria

Light Design


MASSIMO OSTI ARCHIVE. LA NUOVA LUCE

Leggi di Più

PRIMA TAVOLA ROTONDA IN ITALIA DI WOMEN IN LIGHTING

Leggi di Più

LA NUOVA LUCE DEL PARLAMENTO DELLA CATALUNYA

Leggi di Più

Archivio Massimo Osti

Io penso che un prodotto possa essere chiamato “moderno”, solo quando la sua forma è modellata alla sua funzioneMassimo Osti Si rinnovano gli ambienti dell’archivio bolognese Massimo Osti – che dal 2006 ospita una selezione della produzione creativa di questo pionieristico designer e stilista che ha rivoluzionato la moda maschile con marchi come Left Hand, Massimo Osti …

Women in lighting

A fine settembre si è svolta la prima tavola rotonda italiana del progetto internazionale Women in Lighting organizzata dall’ambasciatrice del progetto n Italia,  designer Giorgia Brusemini.   Ideata dallo studio di lighting design londinese Light Collective, composto da Sharon Stammers e Martin Lupton, entrambi coinvolti nel settore dell’illuminazione da oltre 20 anni, Women in Lighting è una piattaforma digitale che sostiene e …

Il Parlament de Catalunya in un’ottica di rinnovamento e risparmio energetico ha deciso di cambiare l’obsoleto impianto luci dell’Assemblea. Il cambio non è solo funzionale ma anche simbolico, segnare il passaggio della Catalunya, e per estensione della Spagna, a democrazia matura e consapevole. Una breve premessa storica è necessaria. Il Parlament de Catalunya si trasferì …

Telmotor Roma

Oltre 80 tra progettisti e architetti a Roma, per il seminario organizzato da Telmotor, lo scorso 26 settembre, in uno dei complessi architettonici e pittorici romani più suggestivi della seconda metà del Cinquecento. Stiamo parlando dell’Oratorio del Gonfalone, con lo splendido ciclo di affreschi dedicato alla Passione di Cristo che ne decora interamente le pareti, realizzati dai  principali maestri del Manierismo romano. Il ciclo, …

iGuzzini_Villa Borromeo D_Adda_ph ©Stefano Anzini

Immersa in un parco di circa 30 ettari nel Comune di Arcore (Monza e Brianza), Villa Borromeo D’Adda, fondata dalla famiglia milanese D’Adda, è un’importante Villa storica di stile eclettico, quasi barocchetto, la cui struttura originale è composta da due ville, una che risale agli inizi Seicento, l’altra, la cosidetta Montagnola, voluta dall’Abate Ferdinando D’Adda tra …

Pagliacci, prima Scolacium

Grande successo, lo scorso agosto, per la messa in scena in prima assoluta dell’opera lirica Pagliacci di Ruggero Leoncavallo (Napoli, 1857 – Montecatini Terme, 1919), nel giorno dei 100 anni dalla sua morte, nel suggestivo parco archeologico Scolacium di Roccelletta di Borgia (Catanzaro), sullo sfondo dell’imponente chiesa abbaziale normanna immersa tra ulivi secolari e nell’ambito di Armonie d’Arte Festival, la rassegna diretta da Chiara Giordano. A firmare …

Nato tra i creativi vicoli del quartiere Brera, il primo flagship store del brand fiorentino di sneaker D.A.T.E. , nonostante la recente apertura è già punto di riferimento nello shopping milanese per lo streetwear di alta moda. La boutique, sorta negli spazi di un’ex macelleria e che ora si apre con una grande, invitante vetrata su via …

filosofia WAW applicata all'illuminazione Fabege

Prendendo spunto dal concetto “Work away from Work” (il lavoro lontano dal lavoro), Fabege, una delle maggiori società immobiliari svedesi, ha sviluppato un’idea di ufficio in cui il lavoro si libera dai vincoli spaziali dell’ufficio aziendale per lasciare spazio a un nuovo concetto, in cui si creano dei vantaggi per il singolo individuo e la convivenza …

carboncino scuola di atene Raffaello

Sono già molti i milanesi, e non solo, che dallo scorso 28 marzo hanno visto alla Biblioteca Ambrosiana di Milano il Cartone preparatorio di Raffaello per l’affresco La Filosofia, noto come Scuola di Atene, esposto in Vaticano.  Realizzato nel 1509, dopo essere passato fra le mani del Cardinale Federico Borromeo, fondatore dell’Ambrosiana, che lo acquistò nel 1626, e di Napoleone, che lo espone …

Tra i vincitori dei Premi Europa Nostra 2019, nella categoria Conservazione figura la Cappella della Sacra Sindone di Torino, con questa motivazione: “una risposta attenta a un evento drammatico che si è verificato in uno dei più importanti edifici barocchi in Europa. È stato tecnicamente sfidante, data la struttura molto particolare dell’edificio, ma è stata garantita la …