A Bressanone nasce un Art Hotel in una dimora storica del XV secolo

’60 POP ART ITALIA Uno speciale viaggio che la illustra attraverso l’analisi di vari territori italiani

Nella città eterna, il recupero di una villa anni ’30 per la nuova sede universitaria di SDA Bocconi

Non solo diamanti brillano ad Anversa. Con la nuova illuminazione rinasce la Stazione Centrale

LA NUOVA ILLUMINAZIONE DI PALAZZO GRASSI A VENEZIA

Palazzo Grassi, Venezia. © ERCO GmbH, photo: Marcela Schneider Ferreira

Il Palazzo, edificio classico risalente al 1772 che si affaccia sul Canal Grande, oggi prestigioso centro di arte contemporanea, è stato oggetto nel corso del 2023 di un restyling completo con un impianto di illuminazione all’avanguardia realizzato da ERCO.

Nel 2005 Palazzo Grassi fu acquistato dal miliardario francese François Pinault – proprietario di una collezione di opere d’arte contemporanea che comprende più di 5000 esemplari realizzati da artisti del XX e XXI secolo – e sempre in quell’anno fu restaurato dall’architetto giapponese Tadao Ando. L’intervento ha preservato lo splendore originale del palazzo, dotando l’edificio di impianti moderni per l’esposizione dell’arte: 40 stanze per 5.000 mq di spazi espositivi.

Palazzo Grassi, Venezia. © ERCO GmbH, photo: Marcela Schneider Ferreira

Con la Collezione François Pinault, Palazzo Grassi ospita mostre temporanee delle opere di proprietà di Pinault, oltre a installazioni site specific di artisti contemporanei.

Quasi 20 anni dopo la ristrutturazione, ERCO aggiorna l’impianto di illuminazione andando a trovare una soluzione flessibile e di qualità riuscendo allo stesso tempo a preservare l’integrità dell’edificio storico. La scelta degli apparecchi è ricaduta sugli spotlight Parscan 48V, che permettono di integrare una tecnologia illuminotecnica di ultima generazione con i semplici impianti a travi sospese presenti e progettati da Ando, in modo da tutelare i bellissimi soffitti decorati.

Palazzo Grassi, Venezia. © ERCO GmbH, photo: Marcela Schneider Ferreira

La famiglia Parscan 48V, che ha una notevole resa illuminotecnica e un basso dispendio energetico, è prodotta in modo sostenibile e costruita secondo i principi di ERCO Greenology. Un sistema di spotlight compatto e flessibile progettato specificamente per l’uso in musei e gallerie d’arte che offre distribuzioni della luce precise e intercambiabili, con dimmerazione.

Anche il design lineare degli apparecchi Parscan riflette l’estetica minimalista del lavoro di Ando. Il loro aspetto discreto permette ai visitatori di concentrarsi sulle opere d’arte e non sugli apparecchi. Il rispetto dell’estetica delle opere è accentuato da fonti di luce a LED color bianco neutro (3500K) con alta resa cromatica (CRI 92) che garantiscono un’alta fedeltà rispetto ai colori reali.

Palazzo Grassi, Venezia. © ERCO GmbH, photo: Marcela Schneider Ferreira

In tutto Palazzo Grassi l’illuminazione è gestita da una soluzione wireless Casambi per il controllo dell’illuminazione basata sula tecnologia Bluetooth Low Energy. L’integrazione del sistema Casambi aggiunge un’interfaccia utente intuitiva e offre la possibilità di fare delle regolazioni in tempo reale.

Una delle caratteristiche principali  di questo impianto d’illuminazione è la presenza di ottiche interscambiabili senza bisogno di attrezzi, che offrono un alto livello di flessibilità sia per la mostra in corso che per tutte le esposizioni future. Quando cambiano le opere esposte, si possono sostituire le ottiche senza bisogno di riprogettare nuovamente l’impianto.

“La luce non è solamente un aspetto funzionale, ma una componente fondamentale del design nella presentazione di opere d’arte e nell’illuminazione di edifici storici”, afferma Michele Cascio di ERCO Italia. “Aiuta a dar forma all’esperienza dei visitatori, a suscitare emozioni e a comprendere e apprezzare l’arte e l’architettura”.

“È un esempio di come la tecnologia all’avanguardia possa essere sfruttata per rispettare e far risaltare l’architettura storica riuscendo al contempo a soddisfare le esigenze dinamiche della presentazione dell’arte contemporanea”, afferma Mauro Baronchelli, direttore esecutivo di Palazzo Grassi.