A GENOVA, DIALOGO TRA ARTE E CITTÀ


TalkCity
photo © Stefano Anzini

LA VILLE QUE NOUS HABITONS

Riprendono da lunedì̀ 28 febbraio 2022, ore 15.00-18.00, i TalkCity organizzati da 500×100, piattaforma di dialogo co-fondata nel 2015 dall’architetto Alfonso Femia con l’obbiettivo di investigare tutto ciò che accompagna l’architettura e il design nel processo di integrazione con la città.

Per il format CITTÀ E ARTE, organizzato insieme a HoperAperta, è stata scelta Genova e la bellissima via Garibaldi, patrimonio mondiale dell’UNESCO, esattamente al numero 12,nel cinquecentesco Palazzo Baldassarre Lomellini cheospita al piano nobile un fiore all’occhiello dell’architettura e della bellezza della città e punto di riferimento per gli amanti del design: “via Garibaldi 12 Lifestylestore”.

Uno spazio, scrive Marta Bizzari nel blog Le strade di Genova, “in cui riempirsi occhi e cuore di bellezza e in cui raccogliere ispirazioni. Amanti del design e non, se ancora non lo avete fatto, andate a scoprire questo magico posto. Sono sicura che non vi deluderà”. Così come Genova, “tradizionale ma sempre pronta a rinnovarsi, la Genova che riesce a far breccia nel cuore di chi la visita e che lascia una forte voglia di ritornare”.

TalkCity
Lifestyle store, Genova (photo © Stefano Arnaboldi)

L’incontro punta l’attenzione su come si sia distaccata l’arte dalla costruzione delle grandi città, dunque sulla “solitudine” delle collezioni permanenti dei musei e sull’isolamento delle espressioni artistiche contemporanee, mentre si assiste ai grandi successi delle mostre blockbuster. Tema quest’ultimo di grande attualità, anche se sono ormai lontane e disperse le parole di Jonathan Jones, critico d’arte per il Guardian, in un suo articolo anni di molti anni fa: “incoraggiano un atteggiamento idiota nei confronti dell’arte. Pensiamo di avere la migliore occasione possibile per vedere un certo artista o un certo periodo dell’arte, pensiamo che vedendo una mostra su Jackson Pollock o Botticelli si conoscano questi artisti, li si viva pienamente. C’è sempre qualcosa di borioso e fasullo in tutto questo”. Punti di vista. I musei hanno il compito primario di conservare e divulgare, avvicinare all’arte e diffondere la sua bellezza e valore per l’umanità; altrettanto, l’arte deve vivere e infondere luce nei musei così come deve vivere nella città, essere parte vitale delle sue trasformazioni sociali e culturali.

Il tema allora posto nel talk è se sia possibile un “nuovo collezionismo urbano diffuso: se la città è anche la propria casa, collezionare arte significa trasformare la città, come fosse il proprio ambiente domestico, in un luogo di condivisione delle proprie emozioni personali”.

TalkCity
Alfonso Femia, La trama infinita, HoperAperta (photo © Stefano Anzini)

All’incontro parteciperanno:

  • Simonetta Cenci, assessore all’Urbanistica e progetti di riqualificazione di Genova, architetto, socio e direttore generale di Atelier(s) Alfonso Femia
  • Alfonso Femia, ideatore e fondatore di Atelier(s) Alfonso Femia con sede a Genova, Milano e Parigi 
  • Maurizio Barberis, architetto che si occupa di arte e art-design, tra i founder di HoperAperta.
  • Francesco Berti Riboli, medico attivo in iniziative culturali presso le principali istituzioni museali e gallerie d’arte cittadine
  • Patrizia Catalano, architetto e giornalista, tra i founder di HoperAperta.
  • Massimo Negri, membro della giuria dell’European Museum of the Year Award e di European Museum Forum
  • Danilo Trogu, artista/ceramista
  • Riccardo Sirotti, architetto e curatore della collezione delle opere del padre, il pittore Raimondo Sirotti
  • Riccardo Miselli, architetto e presidente dell’Ordine degli Architetti (OAPPC) di Genova
  • Duccio Grassi, artista/ designer creativo
  • Giorgio Tartaro giornalista di architettura e design, co-direttore del master di Interior design della Scuola Politecnica di Design e docente al master sul Made in Italy alla IULM di Milano
  • Luca Violo, responsabile Media & Comunicazione della casa d’aste Wannenes di Genova

Per l’occasione, all’interno dello spazio “via Garibaldi 12 Lifestylestore” saranno esposte le opere di Alfonso Femia, Maurizio Barberis e Duccio Grassi.