LIGHT FLOW: INSTALLAZIONE DI LUCE E SUONO


Light Flow
Laser Symphony | Toruń, Polonia, 2018 Marcello Arosio, concetto, design, direzione artistica, progettazione tecnica, programmazione laser; Davide Cappelletti – musica, programmazione arduino, programmazione laser; Eduards Lakis – video & foto editing photo courtesy AreaOdeon

A MONZA DAL 19 AL 30 NOVEMBRE

A Monza, venerdì 19 novembre, alle ore 17.00, l’inaugurazione dell’installazione luminosa LIGHT FLOW, progetto artistico sviluppato dagli studenti della Scuola del Design del Politecnico di Milano e nato nell’ambito del corso “Luce e Colore tra Arte e Design”, a cura di Gisella Gellini, Cecilia Brianza, dell’artista Marco Brianza e del direttore artistico di Kernel Festival Marcello Arosio.

Con quest‘opera gli studenti raccontano la loro visione della città di Monza, Lombardia, proponendo sei contributi di luce e suono attraverso l’utilizzo di una Net-LED, una rete flessibile di LED RGBW lunga 10 metri posizionata lungo le rive del fiume Lambro, in corrispondenza del Ponte di San Gerardino, in via Gerardo dei Tintori. Visibile fino al 30 novembre, dalle 17.00 alle 24.00.

Light Flow
Laser Symphony | Cremona, 2017
Installazione di laser mapping interattivo, Cortile Federico II, Cremona
Marcello Arosio, Davide Cappelletti
photo courtesy AreaOdeon

Un’installazione che nasce, spiegano i curatori, “dal dialogo tra l’ambiente circostante e la luce emessa dal grande schermo flessibile, intrecciando la dinamica delle animazioni e i colori delle immagini al riflesso luminoso delle stesse sull’architettura. La ricerca artistica alla base del progetto non si esaurisce infatti nella semplice creazione di un filmato, ma trova la sua massima espressione nel riverbero luminoso che si diffonde nell’intorno”. Ogni contributo nasce anche accompagnato da un contenuto sonoro, sviluppato dagli stessi studenti, da ascoltare con l’ausilio dello smartphone collegato alla piattaforma Sound Safari.

Una collaborazione che vede di nuovo protagonista il mondo accademico, quest’anno con la partecipazione del Politecnico di Milano – Scuola del Design e lo scorso giugno-luglio con lo IED -Istituto Europeo di Design di Milano, con lo spettacolo della mappatura audiovisiva del Ponte dei Leoni a Monza realizzata con cinque cortometraggi.

Commenta Marco Arosio: “Coinvolgere gli ambiti della formazione è sempre stato un tratto caratteristico del Festival, che promuove sempre un collegamento tra studenti e panorama professionale, giovani generazioni e contesto urbano”.

Segnaliamo che Kernel Festival è organizzato da AreaOdeon, associazione culturale nata proprio a a Monza dieci anni fa, di cui Arosio è il cofondatore con Carlotta Fumagalli. Un’idea per progetti dedicati all’arte contemporanea, da tempo creati e realizzati non solo in città italiane ma anche internazionali, e con particolare attenzione ai linguaggi più innovativi: light art, arte digitale, elettronica, audiovisiva, dove la luce è sempre al centro dell’opera o è essa stessa opera. Più di 200 artisti in questi anni sono stati invitati a interagire con lo spazio pubblico con le loro creazioni o produzioni.

  • Light Flow
  • Light Flow

Contributi artistici per LIGHT FLOW a Monza:

  • LEUK, di Giovanna Farah, Elena Mendez, Laura Petrilli, Dulce Rubio Saura, Anna Stellari
  • LIGHT SPECTRUM, di Antonino Bellomi, Davide Gualtieri, Vittoria Pinato, Andrea Riva
  • LUCERTOLA, di Ekaterina Ivanova, Cristina Russo, Chiara Yiontis, Annemarie Woeste
  • MASC,di Bhavya Chauhan, Alisha Masurkar
  • SPARKS, di Sara Belloli, Sara Berardo, Francesco Lamperti, Lorena Palazzolo, Chiara Predonzan
  • THE SWAT, di Maria Caterina Cedone, Caterina Comini, Yongmei Cui, Jingyu Li, Izabela Sienska

I curatori

Gisella Gellini
Architetto e ricercatrice della cultura della luce con particolare riferimento alla Light Art, dal 2011 è docente del corso “Luce e Colore tra Arte e Design” presso il Politecnico di Milano – Scuola del Design. Curatrice di mostre, ha collaborato con il collezionista Giuseppe Panza di Biumo e dal 2009 è autrice della pubblicazione annuale del libro Light Art in Italy che raccoglie le principali installazioni temporanee di luce in Italia.

Marco Brianza
Designer e artista, sviluppa elettronica e software, focalizzandosi su applicazioni di luce a Led e Internet of Things. Il suo interesse per la luce è legato alle sue proprietà di pura emanazione elettromagnetica, ai suoi valori di intensità all’interno dello spettro percepibile dall’occhio umano e alle sue trasformazioni cromatiche. Le tecnologie utilizzate dall’artista spaziano dall’illuminazione a Led alla videoproiezione, dallo scatto fotografico alla stampa digitale.

Marcello Arosio
Architetto, artista multimediale e direttore di AreaOdeon e Kernel Festival, attesta la sua ricerca ai limiti tra architettura, arte e tecnologia, interessandosi alla riqualificazione di spazi urbani attraverso processi innovativi di coinvolgimento cittadino. L’evoluzione dei progetti realizzati con AreaOdeon lo porta a raffinare il proprio linguaggio artistico combinando l’immagine all’architettura, al suono, e alla luce in progetti interattivi e di video mapping.