Performance iN Lighting per Emergency e non solo


PIL Children's Surgical Hospital
PIL Children's Surgical Hospital, Entebbe, Uganda Photo ©Marcello Bonfanti

La storica azienda Performance iN Lighting e il suo presidente Giorgio Lodi, non sono nuovi a queste iniziative umanitarie e di comunità con al centro le persone, quelle vicine a noi e quelle molto più lontane ed emerginate dei paesi poveri, cercando attraverso concreti aiuti di migliorarne la vita. Più vicino a noi il progetto l’Asilo Nidoblù nella sede centrale di Colognola ai Colli (VR) per favorire la conciliazione tra vita familiare e lavoro, aperto non solo ai figli dei dipendenti ma all’intera comunità locale. Luogo e spazio educativo che include al suo interno anche una fattoria didattica, un orto, un giardino di fiori e un parco, per bambine e bambini dai 7 ai 36 mesi ispirato alla filosofia pedagogica “Reggio Children”.

  • PIL Children's Surgical Hospital
  • PIL Children's Surgical Hospital
  • PIL Children's Surgical Hospital

A livello globale con il sostegno a CINI (Child In Need Institute), ONG internazionale che garantisce ai bambini delle aree più bisognose del pianeta il diritto alla cura e all’educazione nella prima infanzia, attraverso il sostegno alle famiglie nell’apprendimento delle norme igieniche, sanitarie e didattiche. 

Il sostegno a Casa EMERGENCY Milano, di cui Performance iN Lighting è Main Partner. Uno spazio di diritti aperto alla città, sede italiana dell’Organizzazione, e luogo dedicato alla collettività, al confronto e al supporto internazionale. Ex scuola degli anni ’40 abbandonata e recuperata grazie a un bando di riqualificazione del Comune, che ha dato in concessione lo stabile di circa 3600mq all’associazione umanitaria fondata da Gino Strada nel 1994. 

PIL Children's Surgical Hospital
PIL Children’s Surgical Hospital, Entebbe, Uganda Photo ©Marcello Bonfanti

Recente la notizia che Performance iN Lighting ha affiancato EMERGENCY nella realizzazione del Centro di Chirurgia pediatrica a Entebbe, in Uganda. Un progetto dall’alto valore architettonico e umanitario sviluppato dallo Studio RPBW con TAMassociati. Una struttura ospedaliera che offre cure gratuite a bambini con necessità chirurgiche provenienti da tutta l’Africa. 

PIL Children's Surgical Hospital
Photo ©Marcello Bonfanti

Grazie all’esperienza consolidata nei sistemi di illuminazione in ambito sanitario, il Gruppo ha fornito un’illuminazione calibrata in base alle peculiarità del luogo e in grado di favorire il comfort dei pazienti nelle camere di degenza e una migliore visibilità del personale ospedaliero nelle sale operatorie. Nell’ideazione del progetto illuminotecnico sono state tenute in considerazione le esigenze dell’ambiente ospedaliero, anche in termini di sostenibilità nel territorio di riferimento, quali il risparmio energetico, bassi costi di esercizio e, soprattutto, la durabilità nel tempo.

PIL Children's Surgical Hospital
Photo ©Marcello Bonfanti

Il risultato raggiunto è una luce ottimale che, insieme all’eccezionalità del luogo in cui si si trova l’Ospedale, contribuisce a creare una sensazione di benessere per i pazienti e a favorire la concentrazione e l’efficienza del personale medico.

Il Centro di Chirurgia pediatrica sorge su un terreno circondato dal verde sulle rive del lago Victoria, “È davanti al lago, a 1.200 metri di altitudine – spiega Giorgio Grandi, architetto e capo progetto per l’ospedale ugandese, ex partner e oggi fellow di RPBW – quindi di per sé è un luogo salubre, immerso nel verde, veramente ha tutti i caratteri per poter fornire anche quella bellezza curativa che si cerca in un ospedale”. 

  • PIL Children's Surgical Hospital
  • PIL Children's Surgical Hospital

Architettura che tra la bellezza del luogo, l’armonia tra luce naturale e artificiale e tra spazi interni ed esterni, rappresenta un valore fondante, impegnativo, voluto da tutti per l’Ospedale a Entebbe di EMERGENCY

PIL Children's Surgical Hospital
Photo ©Marcello Bonfanti

Quando gli obiettivi sono di migliorare la vita delle comunità nel mondo soprattutto promuovendo i diritti dell’infanzia, a partire dal diritto all’educazione di qualità, vuole dire anche sostenere una stretta relazione di reciprocità, in cui assistenza e sviluppo, innovazione, ambiente e solidarietà sono parti di un unico progetto. Dove anche la bellezza, di cui la luce è partecipe e protagonista, diventa anch’essa una componente di amore e solidarietà. Possiamo scrivere anche di ottimismo.