L’ARTE ESPERIENZIALE DEGLI OLANDESI DRIFT IN MOSTRA ALLO SHED DI NEW YORK


DRIFT
DRIFT, Drifters , 2018. Video HD (4k), colore, suono, 11 min., 11 sec. photo ©Dario Lasagni

FRAGILE FUTURE IN MOSTRA FINO AL 19 DICEMBRE 2021

Fragile Future è una mostra coreografata, cinetica e multisensoriale nel duttile centro culturale newyorchese SHED ed è stata ideata e installata dallo studio olandese DRIFT in collaborazione con Superblue. Comunica il nostro precario e delicato mondo, il futuro fragile dell’umanità e non solo, e immagina un mondo in cui la tecnologia possa esaltare la natura, presentando opere e performance specifiche e inedite, accompagnate dalla colonna sonora creata da Anohni, artista transgender candidata all’Oscar nel 2016.

DRIFT
DRIFT, Drifter, 2017 – 21. Photo ©Dario Lasagni

Fragile Future porta il pubblico in un viaggio attraverso una serie di installazioni interconnesse – l’esperienza si apre con un’installazione luminosa, Coded Coincidence, in cui il pubblico si trova davanti una moltitudine di luci scintillanti, i cui movimenti rispecchiano il modello di volo dei semi di olmo come sono diretti dalle forze del vento ogni primavera. L’installazione esplora la necessità e la bellezza della coincidenza e il suo ruolo essenziale nei nostri processi naturali e nell’evoluzione. Svanendo e cadendo a terra, i semi di luce lasciano il posto a Ego, in cui un grande blocco fatto di fili sottili illuminati è sospeso a mezz’aria. Il blocco si muove e si trasforma nel tempo, passando da un rigido rettangolo a un piano distorto, impregnando un oggetto tipicamente pensato come inanimato di emozioni e qualità umane. L’esperienza include anche la scultura luminosa multidisciplinare Fragile Future, che fonde natura e tecnologia per creare una visione critica ma utopica del futuro del nostro pianeta, dove due evoluzioni apparentemente opposte hanno fatto un patto per sopravvivere.

DRIFT
Drifters performance in The McCourt (on view on select days only) as part of DRIFT: Fragile Future, The Shed, September 29 – December 19, 2021. Photo ©Dario Lasagni. Courtesy The Shed.

Lo studio DRIFT, presente alla Biennale di Venezia nel 2012 e 2015 e Premio Arte Laguna 2014, è stato fondato da Lonneke Gordijn e Ralph Nauta nel 2007 ad Amsterdam, e conta su un team multidisciplinare di 64 persone, che lavorano su sculture, installazioni e performance esperienziali. Si pongono come obiettivo di rendere manifesti i fenomeni e le proprietà nascoste della natura attraverso l’uso della tecnologia, la loro filosofia progettuale vuole ristabilire la nostra connessione con la Terra proprio con l’approfondimento della conoscenza dei suoi meccanismi e ponendo domande su cosa sia la vita ed esplorando scenari positivi per il futuro. Questo pensiero viene espresso con delle opere artistiche “decostruttive, interattive e innovative” e la luce ne è la componente principale. Tutte le singole opere d’arte hanno la capacità di trasformare gli spazi.

DRIFT
DRIFT, ​​”Fragile Future”, 2007 – 21. Dandelions, LED lights, phosphor bronze, printed circuit board. Dimensions variable. Photo ©Dario Lasagni. Courtesy The Shed.

I due fondatori dello studio hanno iniziato a collaborare già in fase di progetto di laurea di Gordijn, intitolata Fragile Future: era composta da una serie di lampade LED a forma di sfera con veri semi di soffione incollati su di esse, che conferivano ai bulbi un aspetto simile a un fiore di soffione. I designer hanno anche creato una lampada in miniatura chiamata Dandlelight, giocando sulla dizione candle-light e dandelion, lume di candela e soffione o dentedileone in lingua inglese.

drift
DRIFT, “Ego”, 2020 – 21. Nylon fiber; Ultra-high molecular weight polyethylene (UHMWPE) fiber monofilaments, polyester, and polyvinyl fluoride (Dyneema®); motors; aluminum; software. 236.22 x 118.11 x 118.11 inches. Photo ©Dario Lasagni. Courtesy The Shed.

In mostra dallo scorso  29 settembre al 19 dicembre 2021Fragile Future è presentato da Superblue, la nuova innovativa impresa, emanazione di Pace Gallery, dedicata alla produzione , presentazione e coinvolgimento del pubblico con l’arte esperienziale, e The Shed, firmato dallo studio di architettura Diller Scofidio + Renfro, in collaborazione con Rockwell Groupinaugurato nel 2019 sul lato ovest di Manhattan. 

drift
Vista dell’installazione: DRIFT: Fragile Future , The Shed, Photo ©Dario Lasagni

DRIFT ha realizzato numerose mostre e progetti in tutto il mondo. Il loro lavoro è stato esposto al Victoria & Albert Museum (2009, 2015); Museo Met (2010); Museo Stedelijk (2018); UTA Artist Space (2019); Museo del garage (2019); Museo della Zecca (2019); Biennale di Venezia (2015); Pace Gallery (2017) tra gli altri. Le loro opere sono conservate nelle collezioni permanenti del LACMA; Rijksmuseum; SFMOMA; Museo Stedelijk; e il Victoria & Albert Museum. Nel 2014 DRIFT ha ricevuto il Premio Arte Laguna, Venezia.