iGuzzini acquisisce il controllo totale di Sistemalux


Headquarters iGuzzini
Headquarters iGuzzini

iGuzzini illuminazione, leader internazionale nel settore dell’illuminazione architetturale e parte del Gruppo Fagerhult, ha annunciato l’acquisizione del restante 30% delle azioni di Sistemalux Inc, azienda con sede a Montreal, in Canada, con un rapporto commerciale di lunga data con lo storico brand di Recanati, rafforzando così la sua presenza e quella del Gruppo Fagerhult sul mercato nordamericano caratterizzato da elevati standard tecnologici e in forte crescita.

Sistemalux Inc., azienda familiare fondata nel 1984, prima commerciale e poi manifatturiera, oltre a offrire soluzioni di illuminazione premium con il proprio marchio, è stata un partner importante per l’introduzione del marchio iGuzzini negli Stati Uniti e in Canada. Nel 2020 le vendite nette sono state di circa 27,3 milioni di euro. Nel 2018 iGuzzini aveva acquisito il 70% delle azioni. 

Il giovane e brillante Chief Executive Officer di iGuzzini illuminazione, Cristiano Venturini, ha dichiarato “Sono entusiasta che iGuzzini illuminazione abbia assunto il controllo del 100% della proprietà di Sistemalux, atto che testimonia quanto l’azienda e il Gruppo Fagerhult credano nella loro organizzazione e nel mercato nordamericano”. 

Cristiano Venturini
Cristiano Venturini CEO iGuzzini illuminazione

Ha aggiunto che nonostante le sfide e l’elevata aleatorietà del momento che tutti stiamo vivendo causa pandemia, “siamo determinati nel voler scrivere nuove pagine di sviluppo per il mercato nordamericano e continuiamo a investire come testimonia questa fondamentale acquisizione, strategica per tutto il Gruppo, per consentire all’azienda e alle persone di continuare a vincere le sfide future.”

Da segnalare una prossima iniziativa congiunta iGuzzini e Sistemalux dal titolo “Illuminating the Mystery” il 9 settembre, ore 14.00 -15.00 : un curioso e interessante webinar con presentazione di 40 minuti, seguita da domande e risposte, sul movimento più critico che sta rivoluzionando l’industria del design di oggi: la biofilia ( dal greco, – e in psicologia e in biologia– “amore per la vita”); o come scrisse Froom “l’attrazione dell’uomo nei confronti della natura e per tutto ciò che è vivo”. Un monito e incoraggiamento per tutti: progettare un mondo migliore.

 In netto contrasto con un mondo moderno il cui segno distintivo è la separazione degli esseri umani dalla “natura” e degli individui gli uni dagli altri. Dunque, progettare male il nostro futuro. 

illuminating the mystery