AL SUPERSALONE, LA NUOVA LAMPADA DI LUCA NICHETTO


Croma

Il designer:
LUCA NICHETTO PRESENTA AL SUPERSALONE DEL MOBILE DI MILANO CROMA, LA SUA NUOVA LAMPADA DISEGNATA PER LODES. UN CONNUBIO, QUELLO TRA IL PROGETTISTA E L’AZIENDA DELLA LUCE, TUTTO VENEZIANO ANCHE NELL’ESPRESSIONE PROFONDAMENTE CONNESSA ALL’ANIMA DELLA LAGUNA, DEL VETRO. 

Croma, lampada da terra, con la sua struttura snella e minimale rivisita l’archetipo della piantana, che sopra si apre a diffondere la luce da un paralume, e ne propone un’immagine capovolta. Dalla base conica svetta un raffinato stelo che all’accensione si immerge evanescente nella luminosa nuvola di luce che sale verso l’alto. Il classico interruttore a pavimento è stato sostituito da un anello a metà altezza dello stelo del corpo lampada, che consente all’utente di regolare il modulo a Led dotato di funzione dim-to-warm

Oggetto raffinato e misterioso proietta fasci di luce con una forte capacità di emissione luminosa e quindi con un ampio raggio di luce che illumina la parete verso il soffitto. Evoca il dinamismo della nota musicale da cui trae ispirazione. Il designer Luca Nichetto, fedele alla formulazione che “il nostro lavoro non si ferma a concepire buoni prodotti, personifichiamo e comunichiamo i nostri progetti, diamo loro vita ed emozioni”, ha infatti dedicato il nuovo prodotto alla “croma”, o l’“ottava” del linguaggio musicale, che viene eseguita con una durata pari a un’ottava parte del valore dell’intero intervallo. Le crome o note cromatiche vengono usate in musica per dare “colore” ed emozione ai “discorsi” musicali, dando così una maggiore varietà e fluidità melodica alle composizioni. Nello stesso modo Croma da note di luce e di colore all’ambiente dove viene collocata, seguendo la customizzazione del fruitore che ne modula la luce creando l’illuminazione voluta. 

  • Croma

È disponibile in 4 finiture uniche. Le due varianti con i nuovi effetti metallici ombré introdotti da Lodes sono il Bronze e il Green, valorizzati da una vibrazione di colore che dal bronzo passa al nichel e dal verde passa al nero lungo lo stelo, più due tonalità opache, il White ed il Black, un bianco e un nero resi ancor più preziosi da una finitura particolare testurizzata. Elegante e minimale, Croma si inserisce in modo ottimale sia negli ambienti domestici residenziali che negli spazi retail e ricettivi o alberghieri. 

Per Luca Nichetto Croma è la quarta lampada creata per Lodes, che arricchisce la collezione di lampade innovative con uno sguardo al futuro, il nuovo Made in Italy volto ad accompagnarci nel nostro vivere contemporaneo quotidiano.

Lodes è il nuovo brand nato dalle forti radici dell’azienda Studio Italia Design, a conduzione familiare. L’azienda, nata dalla passione per il vetro del fondatore Angelo Tosetto, è attiva in 90 mercati del mondo. Nel 2020 ha festeggiato il suo settantesimo anniversario facendo un rebranding e ha intrapreso una nuova strada con un nome più corto, Lodes, un nuovo ethos del marchio votato all’innovazione e la nomina di Luca Nichetto a Design Curator. Fin dagli anni Cinquanta l’azienda vanta una notevole esperienza nella produzione di illuminazione a Venezia, cuore della regione italiana del vetro. L’azienda è stata selezionata come una delle realtà italiane più dinamiche del Made in Italy dall’indagine “Campioni della crescita” 2020 e 2021, pubblicata su “Affari & Finanza” di Repubblica.

Luca Nichetto
Luca Nichetto ©Neni Studio 2018

Luca Nichetto nasce e cresce a Venezia, nel mezzo del mondo dell’arte vetraria di Murano. Dopo la Laurea allo IUAV, a Venezia, inizia a lavorare con la vetreria Salviati di Murano e in breve tempo assume il ruolo di designer di prodotto e consulente per Foscarini, azienda specializzata nel settore dell’illuminotecnica. Nel 2006 fonda il suo primo studio a Venezia e cinque anni dopo si trasferisce con la sua famiglia a Stoccolma, in Svezia, dove apre il secondo studio, sempre su un’isola, sempre sul mare.  

Su LUCE n 336.2021 l’intervista “Incontro con Luca Nichetto. Acqua e luce tra Venezia e Stoccolma” a cura di Monica Moro