MONTE ISOLA SI ILLUMINA. NUOVA LUCE PER IL BORGO DI MENZINO


Menzino, Monte Isola
Borgo di Menzino, Montisola photo©Stefano Anzini

Nel 2016 l’installazione The Floating Piers dell’artista Christo ha fatto conoscere in tutto il mondo il Lago d’Iseo, splendido lago diviso tra le provincie di Brescia e di Bergamo, trasformato per l’occasione in una vera e propria gigantesca opera d’arte.

Ma il Lago d’Iseo è sempre stato molto famoso per la sua ricchezza storica e artistica, oltre che per la sua straordinaria bellezza naturalistica, che comprende anche particolari conformazioni geologiche, quali le Piramidi di Zone (BS), piramidi di erosione protagoniste dal 2018, dello ZoneOn, il festival delle luci a loro dedicato (attualmente sospeso a causa della pandemia,nda).

  • Aplos
  • Aplos
  • Monte Isola

In particolare, il visitatore non può non restare incantato da Monte Isola (BS), una montagna verde che si eleva dal lago, nonché la più grande isola lacustre in Europa, che, con il suo Comune composto da 12 borghi, alcuni in collina e altri sul lago, caratterizzati da viuzze e vicoli e dalla presenza di chiese e di edifici di grande valore artistico e architettonico, è stata dichiarata uno dei Borghi più belli d’Italia.

Nella zona sud-ovest sorge la piccola frazione di Menzino, un caratteristico borgo medievale, tra i più antichi dell’isola, dominato dalla Rocca Martinengo, un castello fortificato costruito nel XIV sec. su uno sperone roccioso a controllo della sponda bergamasca dall’importante famiglia iseana degli Oldofredi e acquistato nel XV sec. dai conti Martinengo, una delle più potenti famiglie bresciane, raggiungibile dal borgo tramite un percorso naturalistico appositamente attrezzato.

Menzino
Scorcio sul Lago d’Iseo da Menzino, photo ©Stefano Anzini

Circa 40 anni fa, Menzino è stato interessato da un primo progetto di riqualificazione, volto a valorizzarlo per gli abitanti e per i turisti che ogni anno visitano il Comune. Nel 1982 il borgo, di grande interesse storico e architettonico, è stato infatti oggetto di un intervento ad opera dell’architetto Franco Maffeis, che ha firmato importanti lavori nell’ambito dell’edilizia pubblica e privata (anche monumentale). Il progetto ha riguardato il recupero del seicentesco Palazzo Zirotti, noto come la “Casa del Dottore” (Cà del Dutùr), a pianta quadrangolare e con una tripla loggia sulla facciata sud, e del piccolo nucleo di abitazioni rurali con murature in pietra locale, posto di fronte alla corte-giardino del palazzo stesso, allestito per ospitare 12 nuclei familiari, oltre ai 2 che già in precedenza vi abitavano. Tale intervento ha utilizzato un linguaggio moderno unito a semplici tecniche di restauro per ricomporre la struttura urbana dell’antico abitato in un unico insieme in armonia con il paesaggio naturale, rispettando gli elementi preesistenti e contemporaneamente introducendo nuovi materiali e nuove caratteristiche costruttive moderne, quali strutture lignee (di colore diverso da quelle originarie), per facilitare la viabilità all’interno dell’abitato stesso, con nuovi percorsi pedonali (su tutta Monte Isola è proibito il traffico veicolare privato). 

Tale progetto è stato ulteriormente valorizzato lo scorso aprile, con l’inaugurazione della nuova illuminazione pubblica, finanziata dal ministero dell’Interno e firmata dallo Studio Guerini, che si avvale di fonti luminose Aplos (nella versione Bollard) dal design moderno e minimalista. che si integra molto bene con le facciate in pietra, della Cariboni Group storica e prestigiosa azienda che realizza prodotti 100% made in Italy, studiati per ridurre al minimo i consumi energetici e per garantire il miglior risultato in termini di confort visivo e dispersione luminosa. 

  • Menzino
  • Menzino

I Bollard, semplici e lineari, sono stati posti lungo il perimetro delle abitazioni per illuminare la piazzetta e i camminamenti, garantendo maggiore fruibilità degli spazi pubblici e della viabilità anche di sera e di notte, oltre a valorizzare “l’aspetto notturno” di Menzino: la temperatura-colore di 3.000K e il sistema ottico ad alto confort visivo, insieme a un’emissione della luce uniforma e diffusa, creano infatti un’atmosfera calda e accogliente, che sottolinea la bellezza e incrementa il fascino del nucleo abitativo. Da visitare, al tramonto con più emozione. La nuova illuminazione rientra in un progetto di efficientamento energetico più ampio, partito circa due anni fa, volto a comprendere tutti i borghi di Monte Isola e che, oltre a Menzino, ha per il momento interessato anche Peschiera Maraglio. Che splendida l’italia dei borghi.