Light art paradigma della modernità. Il nuovo libro di Jacqueline Ceresoli


Light art paradigma della modernità
Lucio Fontana, Struttura al neon per la IX Triennale di Milano, 1951 Photo © Fondazione Lucio Fontana, Milano

Ci voleva l’eleganza semantica di Jacqueline Ceresoli con il suo nuovo libro Light Art paradigma della modernità. Luce come oper-azione di arte relazionale, Moltemi Linee, 2021 – con la prefazione di Giulio Giorello che focalizza l’attenzione del testo sui temi alti della filosofia della percezione e sulla sociologia dell’arte – per definire il perimetro concettuale della luce in tutte le sue forme e in tutta la sequenza delle esperienze che da sempre ci condizionano e migliorano le nostre esistenze.

Ceresoli, storica e critica dell’arte, docente universitaria, collabora con diverse testate di architettura e arte tra cui LUCE, dove dal 2012 tiene la rubrica “Light Art”. Ha scritto su Lucio Fontana, Dan Flavin,  Mario Merz, Joseph Kosuth, Cerith Wyn Evans, Carsten Höller, Philippe Parreno, Maurizio Nannucci, Nanda Vigo, Paolo Scirpa e altri artisti. Un lavoro complesso e profondo, come è la scrittura dell’autrice, ma sempre denso di profonde stimolazioni disciplinari che ci invitano a scavare sull’essenza stessa del “vedere e del guardare” e quindi dare senso luminoso agli oggetti: siano essi nel tracciato dell’arte oppure momenti della ricerca nel design e nell’illuminotecnica.

  • Light art paradigma della modernità
  • Light art paradigma della modernità
  • Light art paradigma della modernità
  • Light art paradigma della modernità
  • Light art paradigma della modernità

La luce artificiale per l’autrice comprende i concetti di miracolo “laico” della modernità e di progresso tecnologico, con specifiche premesse di reversibilità che questa materia dell’effimero, fluida e ambivalente, include. La luce nell’arte, spiega Ceresoli, è metafora, simbolo, concetto visibile dell’invisibile; è carica di diversi significati che si materializzano attraverso le possibilità combinatorie tra forma e colore dei supporti luminosi: dal neon a sofisticati sistemi digitali per ambienti immersivi e multimediali dall’appeal scenografico, in cui la partecipazione dello spettatore è parte strutturale dell’opera che si fa relazione.

Il libro analizza l’attitudine “umanistica” della Light Art italiana, evidenziando come e perché si differenzia da quella americana o anglosassone, più pragmatica nel linguaggio. La Light Art è indagata in maniera trasversale, unendo l’aspetto tecnico con quello cognitivo-estetico-poetico, in quanto l’uno comprende l’altro, come “la notte insegue il giorno, l’ombra la luce e l’arte la rivelazione di alterità di impatto emotivo”.


Jacqueline Ceresoli
Light Art paradigma della modernità. Luce come oper-azione di arte relazionale

Editore: Moltemi, 2021
Collana: Linee
EAN: 9788855193351
ISBN: 885519335X
Pagine: 296