iGuzzini firma la nuova illuminazione dell’Australian Technology Park


iGuzzini ATP
iGuzzini ATP photo©Rohan Venn

L’imponente intervento di riqualificazione dell’Australian Technology Park di Sydney contempla anche una puntuale riprogettazione dell’illuminazione con apparecchi iGuzzini illuminazione

Il rinnovamento degli spazi e la costruzione di nuovi edifici accanto ai fabbricati riconvertiti, architetture industriali un tempo parte dell’Eveleigh Railway Workshops, va dunque di pari passo all’aggiornamento dell’impianto illuminotecnico: una buona pratica che, purtroppo, non sempre viene adottata.

iGuzzini ATP
iGuzzini ATP photo©Rohan Venn

Nato nel 1995 come spazio dedicato a start-up nell’ambito hi-tech e a spin-off delle più quotate università locali per creare un incontro sinergico tra questi mondi, l’Australian Technology Park è una realtà sempre più importante all’interno dell’economia del Paese, tanto che oggi è di proprietà del gruppo Mirvac nonché sede di diverse aziende nazionali tra cui la Commonwealth Bank of Australia. Nel 2015, a 25 anni dalla sua inaugurazione, una squadra di importanti studi – CO AP Architects, Francis-Jones Morehen Thorp, Sissons, Woods Bagot e Davenport Campbell – ha iniziato a lavorare a un nuovo masterplan per l’hub. L’imponente intervento che ha previsto la costruzione di tre nuovi edifici e una ridefinizione dei percorsi, oltre che una rivitalizzazione degli spazi pubblici che circondano gli edifici fra cui un parco pubblico, un campo da tennis, negozi e un centro benessere.

  • iGuzzini ATP
  • iGuzzini ATP

Sono due le aree in cui si è concentrato l’intervento di iGuzzini; lo scopo principale era quello di rendere sicuri e attraenti gli spazi anche nelle ore notturne. Per l’Interchange Pavillion, una struttura dalle forme fluide che crea una zona di sosta tra le vare aree di lavoro, il progetto illuminotecnico è stato firmato dallo studio Westudioau. I professionisti hanno dato vita a quattro effetti luminosi che caratterizzano altrettanti dettagli strutturali. A terra, le linee scure che ricordano gli scambi dei treni, ricollegandosi al passato infrastrutturale dell’area, sono sottolineate dagli apparecchi a incasso Light Up Orbit. Per creare dei “punti focali” e un ambiente “teatrale” sono stati installati sulla copertura i proiettori iPro che puntano sulla pavimentazione; gli stessi apparecchi, ma con ottica wall washer, “lavano” le pareti evidenziando le venature naturali del legno che le ricopre. Giocando sui contrasti, l’illuminazione della parte esterna del padiglione è stata realizzata con temperatura colore più fredda con proiettori Palco InOut incassati a terra nelle aiuole attorno alla struttura. 

  • iGuzzini ATP
  • iGuzzini ATP

Per i principali percorsi pedonali lighting designer di studio IGS hanno scelto dal catalogo iGuzzini i proiettori MaxiWoody. I corpi lampada sono stati customizzati dall’azienda di Recanati con una speciale finitura nera, identica a quella dei pali su cui sono stati montati.