Thorn rivoluziona l’illuminazione pubblica notturna


cielo Notturno
Il cielo notturno è estremamente prezioso e deve essere protetto il più possibile. Foto per gentile concessione di Thorn

NightTune di Thorn – Zumtobel Group è l’ultima tecnologia nel campo dell’illuminazione che rispetta le esigenze dell’ecosistema notturno garantendo la sicurezza delle persone. Se certamente è necessario illuminare gli spazi urbani per renderli vivibili anche dopo il tramonto, i progetti devono essere “responsabili” e proteggere l’oscurità del cielo al fine di non compromettere il buon riposo delle persone, non interferire con l’ecosistema notturno, non influenzare il comportamento istintivo degli animali e degli insetti.

Maxime Blanchon, Senior Director del settore Illuminazione Urbana di Thorn conosce bene le sfide legate all’illuminazione notturna e ha supportato il suo team nella creazione di soluzioni rigorose. “Ponendo il giusto livello di innovazione al centro di ogni progetto, contribuiamo con umiltà a disegnare il futuro – ha dichiarato – La mission del mio team è fare sì che le città e i luoghi all’aperto possano rivelare il loro potenziale di vita notturna adattandosi alle loro esigenze culturali, estetiche ed ecologiche“.

  • esterni urbani
  • NightTune

NightTune fornisce una luce bilanciata in base all’orario e alle necessità; il sistema regola l’intensità del colore in base all’emissione di luce, combinando Led a 2200K (caldi) con altri a 4000K (freddi). Dimmerando i due gruppi di Led separatamente si possono ottenere temperature colore che vanno da 2200K a 3000K.

In serata, per accompagnare il rientro di veicoli e pedoni, NightTune fornisce una temperatura di colore intermedia. Durante la notte quando le strade sono poco trafficate, il flusso luminoso dei Led freddi viene ridotto del 50% in modo che la luce diventi meno intensa, più calda e ci sia un cospicuo risparmio energetico. Alle prime luci dell’alba il flusso dei Led freddi aumenta per fornire una luce più intensa e brillante, che favorisce il risveglio e la ripresa delle attività.

Il desiderio di Maxime Blanchon è che i cittadini possano godere in tempi rapidi dei vantaggi di una tecnologia in continua evoluzione. “Illuminazione indiretta, diffusori, accessori ottici, schermi, corrente più bassa, rilevamento del movimento e temperature di colore più calde: tutto può essere considerato nei progetti urbani per consentire a ogni luogo di sviluppare la propria vita notturna nelle migliori condizioni e nel pieno rispetto della natura”.

Precedente La riscoperta delle spettacolari scenografie neroniane: La Domus Transitoria sul Palatino
Prossimo Formazione, parlano i produttori