Formazione AIDI-ASSIL Illuminazione per lo Spettacolo e Light Art


CORSO ONLINE AIDI_ASSIL 26 novembre

Un approccio molto innovativo e brillante della comunicazione di Assil e Aidi presentando il corso on-line “Illuminazione per lo Spettacolo e Light Art” del prossimo 26 novembre, parte del più ampio progetto di 9 corsi del format culturale “Formazione in Luce” dedicato alle tematiche della luce da settembre 2020 a gennaio 2021. Progetto partito nel 2017, che con la seconda e la terza edizione del 2019, ha visto la partecipazione di circa 750 operatori del settore e più di 245 ore di formazione. 

Sei un progettista, un lighting designer, un artista, un design, e ti piacerebbe conoscere le normative applicabili agli apparecchi di illuminazione, in particolare quelle applicabili ai prodotti per illuminazione per palcoscenici, luoghi di spettacolo e per illuminazione artistica?

Vorresti approfondire le tue conoscenze sulla Light Art, strumento di riflessione e comunicazione dell’estetica di un artista che modifica il rapporto tra opera-spazio-fruitore e che rappresenta un sismografo del cambiamento sociale, culturale contemporaneo?

La risposta non potrà essere che sì!
Perché è un corso che sin dal titolo si presenta interessante, curioso, contemporaneo, e soprattutto non usuale nel mondo dell’illuminazione italiana. Bene hanno fatto Aidi e Assil a riproporre il tema del rapporto tra la luce e l’arte. Materia che da diversi anni propone anche la rivista LUCE e la sua consorella luceweb.eu con pagine che nel tempo si sono sempre più aperte, pur con qualche lettore un po’ sorpreso, alla luce nel teatro, nel cinema, nell’opera lirica, nello spettacolo e nello spazio urbano. Certo tutto è partito da Fontana, e da altri grandi artisti italiani e internazionali, ma non dimentichiamo che cosa ha rappresentato per Torino e l’arte italiana, e in seguito per tante altre grandi o piccole città Luci d’Artista. 

Ritornando al corso “Illuminazione per lo Spettacolo e Light Art” i docenti sono Franco Rusnati, responsabile tecnico Assil,membro di Lighting Europe e membro italiano presso il CENELEC, e la storica e critica d’arte Jacqueline Ceresoli, docente, saggista e collaboratrice di LUCE. 

  • M.Uberti, Ellisse,
  • M.Uberti, Untitled
  • Massimo Uberti, Love Space,
  • Massimo Uberti, Senza titolo,
  • Massimo Uberti, Spazio amato. 2015
  • Massimo Uberti,

Di cosa si parlerà: 

Modulo A – Caratteristiche normative degli apparecchi di illuminazione – Franco Rusnati
Scopo del modulo è quello di fornire una panoramica sulle normative applicabili agli apparecchi di illuminazione ed in particolare le normative di sicurezza applicabili ai prodotti per illuminazione per palcoscenici, luoghi di spettacolo e per illuminazione artistica:EN 60598-2-5 Proiettori
EN 60598-2-17 Apparecchi per palcoscenici, studi televisivi e cinematografici (per uso esterno e interno).
Nel corso del modulo saranno date anche nozioni sui requisiti della norma impianti CEI 64-8 parte 752 applicabile a impianti elettrici nei luoghi di pubblico spettacolo e di intrattenimento. Saranno inoltre forniti elementi per la valutazione del rischio fotobiologico da luce blu.

Modulo B – Illuminazione per lo spettacolo e light art – Jacqueline Ceresoli, con intervento dell’artista Massimo Uberti.
Light art intesa come l’espressione della nostra cultura progettuale polisemica e multimediale, concettuale e pop, inserita nel contesto sociale che modifica il rapporto tra opera-spazio-fruitore, trasfigurando il contesto in cui si manifesta. Light art come strumento di riflessione e comunicazione dell’estetica di un artista che si fa scultura, ambiente, immagine, paesaggio emozionale per definire una poetica del vedere, sentire spazi “altri”, come rivelazione dell’ignoto.
Saranno presentati artisti che lavorano sulla necessità di confrontarsi con diversi contesti, spazi pubblici e privati e con il paesaggio urbano che cambia. Light art come sismografo del cambiamento sociale, culturale contemporaneo all’insegna dell’architettura dell’effimero.
Casi studio: Lucio Fontana, James Turrell, Carsten Holler, Philippe Parreno, Massimo Uberti, Olafur Eliasson.

Spazio Amato,
Massimo UbertI Spazio Amato, Photo©Andrea Corso

CFP: sono stati richiesti CFP per gli Architetti.
Quota di iscrizione: associati Aidi-Assil € 96,00 + IVA – non associati € 120,00 + IVA

Formazione in Luce 2020 è patrocinato dal Dipartimento di Architettura Università degli Studi Roma Tre, APIL, ENEA e Utilitalia. Ed è realizzato grazie ai supporter gold Cariboni Group e Simes, e ai supporter silver Cree Lighting Europe, Flos, Ideallux, IMQ, Neri. 

Precedente LA MOSSA FRANCESE DI PANZERI
Prossimo LA NUOVA “ILLUMINAZIONE NELL’OMBRA” DELLA CATTEDRALE DI VOLTERRA