IL SENSO DEL SACRO SECONDO MARIO CUCINELLA


living chapel
Living Chapel, Mario Cucinella

È la semplicità che, andando oltre l’ordinario e sfruttando un contesto naturale mozzafiato, riesce ad emozionare e far riflettere la “magia” alla base dell’installazione realizzata da Mario Cucinella Architects in collaborazione con Artemide.

Si chiama The Living Chapel ed è una cappella a cielo aperto, uno spazio sacro ispirato a San Francesco d’Assisi e agli obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite, per lanciare un messaggio di riconciliazione tra uomo e natura. L’essenziale struttura si trova a Porto Caleri, immersa in un paesaggio selvaggio in cui acqua e terra si confondono l’una con l’altra. “Nel contesto del Delta del Po non dobbiamo aggiungere nulla se non costruire una nuova amicizia con l’ambiente – ha dichiarato Cucinella – The Living Chapel è una luce nella notte del parco, un segno immateriale e un’architettura per guardare lo spettacolo della natura”. Con il suo segno deciso, il piccolo luogo sacro abbatte i confini netti tra artificiale e spontaneo, creando uno spazio percettivo in continuo dialogo con l’ambiente in cui si inserisce.

laudato si, disegno
Installazione Laudato Sì_Sketch Mario Cucinella

L’opera è composta da un anello luminoso di 8 metri di diametro sospeso su una leggera struttura aerea; essa rappresenta la luce del mondo e il cerchio è la metafora di “Sora madre Terra” del Laudato Si’ francescano. Al di sotto, la pedana rotonda in legno evoca il bosco del Cansiglio, l’antica foresta veneta da cui si ricavava il legname per le navi della Serenissima, e contribuisce a dare nuova dignità ad alcuni tra gli alberi abbattuti dalla disastrosa tempesta Vaia nel 2018.

Living Chapel,
Living Chapel, Mario Cucinella

Il lavoro, ricco di simbologie, si inserisce perfettamente nel percorso professionale dell’architetto Cucinella che, da sempre, concentra i suoi sforzi nella realizzazione di edifici a impatto zero e progetti che contribuiscano alla rigenerazione urbana, per garantire ambienti confortevoli e a misura d’uomo. Il tema della sostenibilità, così vicino a Mario Cucinella tanto da aver dedicato il suo intervento “Arcipelago Italia” alla Biennale di Architettura di Venezia 2018 alle buone pratiche architettoniche per lo sviluppo del Paese, viene affrontato con The Living Chapel in maniera più istintiva, con un linguaggio “viscerale”, proprio delle opere d’arte.

  • living chapel

Sull’importanza dell’iniziativa chiosa Carlotta de Bevilacqua – vice presidente e CEO del gruppo Artemide: “La cura della casa comune è un messaggio universale, centrale nell’impegno quotidiano della nostra azienda verso un progetto sostenibile, guidato non solo da una ricerca scientifica e da una competenza tecnologica e produttiva ma anche da un approccio umanistico ed etico. Una buona luce è un diritto di tutti ma ci impone anche dei doveri. È energia che nutre la natura, l’uomo la sua conoscenza e la sua salute”.

Precedente MUSICA LUCI E COLORI AD ARONA
Prossimo Demande à la nuit (Chiedi alla notte) Académie de France à Rome, Villa Médicis