MUSICA LUCI E COLORI AD ARONA


Vienna luci e colori di un secolo fa
photo ©Pietro Gatti

Non avevamo annunciato lo spettacolo “Vienna luci e colori di un secolo fa” perché il teatro di Arona, come tutti i teatri d’Italia, non avrebbe potuto ospitare la sera dello scorso 10 ottobre molto pubblico.

Lo facciamo ora perché possiamo mostrare anche bellissime immagini del palcoscenico in cui si è svolto il concerto diretto dal maestro Alessandro Maria Carnelli, con l’Ensemble Progetto Pierrot e la soprano Federica Napolitani. Musiche di Schubert, Johann Strauss (padre) e Mahler.

Uno spettacolo in cui la grande musica, è stata “avvolta” sul palcoscenico anche di luci e colori a cura dello scenografo Sebastiano Romano, con immagini che si susseguivano nel centro e ai due lati del palcoscenico, tratte dalle opere di uno dei più significativi artisti della secessione viennese, Gustav Klimt, e tra i più importanti del XX secolo. Figure femminili, volti, con fondi ori, o meglio di foglia d’oro, che ricordano i preziosi mosaici bizantini. O figure di animali colorati sorpresi nel bosco dall’artista espressionista tedesco Franz Marc; le immagini tratte dai dipinti del pittore romantico austriaco Ferdinand Georg Waldmuller che hanno dialogato con diversi brani di Schubert, o un frammento dell’opera Ballo di Corte all’Hofburg dell’artista tedesco-austriaco Wilhelm Gause.

Spiega Sebastiano Romano: “Nello spettacolo le immagini sono state scelte con una particolare attenzione ai contenuti del percorso musicale ideato dal maestro Carnelli, con lui ho voluto creare un dialogo tra musica e arti figurative per proporre al pubblico una nuova dimensione di ascolto.”

  • Vienna luci e colori di un secolo fa
  • Vienna luci e colori di un secolo fa
  • Vienna luci e colori di un secolo fa

Un omaggio alla Vienna di un secolo fa, che quest’anno è capitale della Musica nella ricorrenza dei 250 anni della nascita di Ludwing van Beethoven, città nella quale visse la maggior parte della sua breve vita e dove compose la maggior parte dei suoi capolavori.

Precedente LA NUOVA LUCE DI CREMONA
Prossimo IL SENSO DEL SACRO SECONDO MARIO CUCINELLA