NOMINE IN PANZERI LUCE SULLA CULTURA DEL PROGETTO


Norberto Simonetta Enzo Panzeri
Norberto, Simonetta ed Enzo Panzeri

Panzeri Illuminazione ha nominato l’architetto e giornalista Maurizio De Caro “direttore culturale per il progetto e la ricerca in architettura e design”, dando avvio a un nuovo programma di studio, analisi, riflessioni intorno ai temi della cultura del progetto attraverso incontri e approfondimenti su luce, architettura e innovazione. La storia di Panzeri corre lungo la direzione tracciata fin dagli esordi dal fondatore Carlo Panzeri e perseguita dalle generazioni che si sono susseguite. A più di settant’anni dalla sua nascita, l’azienda brianzola, sede a Biassono, MB, vuole confermare con l’avvio di questo programma i suoi obiettivi e valori che potremmo racchiudere in poche essenziali parole: qualità, ricerca e innovazione. Dunque, attività culturali legate ai temi della ricerca e del progetto in campo architetturale e illuminotecnico, indagando tendenze e scenari futuri, e l’azienda Panzeri, soci AIDI, che, con l’avvio di questo progetto, diventa “spazio”, “workshop permanente” in cui si cercano e si trovano nuove forme di dialogo tra azienda, progettisti, designer e lighting designer.

Maurizio De Caro

La direzione di questo programma culturale è stata affidata a Maurizio De Caro, figura poliedrica dell’architettura italiana di viva intelligenza. Formatosi presso il Politecnico di Milano e la Architectural Association di Londra, De Caro oltre che architetto è anche teorico dell’architettura, editorialista, musicofilo appassoniato di John Cage e al suo percorso “fatto di sperimentazione e casualità, organizzazione del suono e aleatorietà, astrazione e neorealismo, gestualità e autonomia del suono inteso come una delle due modalità di presenza del silenzio…”. De Caro sovente, scrivendo molto bene di altri, coglie metaforicamente l’occasione per parlare anche di sé. Appassionato d’arte contemporanea ha lavorato con Harald Szeemann, Pierre Restany, Arturo Schwarz, e curato l’allestimento della grande antologica su Joseph Beuys al Museo di Santa Monica, Barcellona, promossa dalla Generalitat de Catalunya con Lucrezia De Domizio. In questo suo intenso percorso professionale e culturale “tra luce e ombre”, come lui stesso lo riassume nella prefazione del suo ultimo libro “La Manutenzione puntuale del cuore” edito da Il Clavicembalo, che segue il suo saggio Mi senti? Trattato sull’architettura come comunicazione umana” Il Quadrante, 2018, la sua passione più grande credo sia la scrittura.

ZeroRound
Panzeri illuminazione, ZeroRound

“Abbiamo voluto fare un salto di qualità nel nostro impegno verso l’affermazione di una cultura del progetto che guardi oltre lo sviluppo di nuovi prodotti o soluzioni” ha dichiarato Simonetta Panzeri,– che insieme a Federico Panzeri guida l’azienda, – “Questo significa l’avvio di una riflessione più estesa non solo sul ruolo della luce come elemento fondamentale dello spazio pubblico e privato, ma anche sui trend culturali della società contemporanea e dei suoi modi di vivere le architetture e le città”.
Maurizio De Caro, interpellato da LUCE su questo nuovo percorso che lo vede protagonista, ha detto: “Narreremo la storia di un’azienda famigliare della Brianza, cresciuta in sette decenni di storie e di trasformazioni, di intuizioni e di accumulazione di tecniche artigianali e industriali che hanno formato il patrimonio condiviso dell’Azienda”. Sul programma ha detto: “Metteremo a confronto questa eredità culturale, che non è mai stata dispersa negli anni e che continua a produrre bellezza, con le trasformazioni del gusto e della sensibilità degli utenti di oggi e di domani, cercando nuove forme di dialogo tra l’azienda, i progettisti e i designer. A questo scopo stiamo elaborando un programma intellettuale e industriale di ampio respiro, in cui si nasconde l’ambizione e il desiderio di raccontare il presente per immaginare il futuro”. Fin dall’autunno 2020, spiega Maurizio De Caro, che tra i grandi architetti ama Bernini e il Borromini, i primi incontri.

Precedente Sospeso il XIX Congresso Nazionale AIDI Doveva tenersi a Napoli il 19-20 ottobre
Prossimo IMPRESE ASSIL