COMFORT ACUSTICO E BUONA ILLUMINAZIONE: LA NUOVA SEDE SPAGNOLA DI SOMIUM


Luceplan@Somiun
Luceplan@Somiun by Monica Armani photo ©Foto Cul de Sac

Dalla ripresa delle attività post-lockdown non si fa altro che discutere del futuro degli spazi dedicati al lavoro. In uno scenario professionale sempre più smart e connesso, dove l’emergenza sanitaria pare solo aver accelerato un naturale processo verso una “presenza in sede” più rarefatta e legata a reali necessità di incontro o allo svolgimento di mansioni non gestibili a distanza, la qualità dell’ambiente e l’attenzione al benessere della persona sono ancora due punti cardine che devono caratterizzare un buon progetto per l’ufficio.

All’insegna del comfort olistico, Monica Armani firma il progetto per la sede centrale di Somium, property developer del gruppo immobiliare Marjal attivo nel segmento luxury. Una completa ridefinizione degli spazi e una ristrutturazione massiccia dell’headquarter di cinque piani a Guardamar del Segura, poco fuori Alicante, ha permesso all’architetto di creare un luogo dedicato alla creatività e all’accoglienza, uno showroom per i clienti premium e luogo di lavoro per una ventina di collaboratori. Il cuore dell’intervento sono le aree di lavoro Somium, organizzate in un open space di 900 metri quadrati in cui operano creativi e commerciali, ma dove vengono anche ricevuti i clienti.

  • Somiun
  • Somiun
  • Somiun
  • Somiun

In uno spazio così ampio e privo di partizioni, la progettista ha scelto di affiancare a un’illuminazione tecnica alcune soluzioni “all-in-one” di Luceplan: si tratta dei modelli Silenzio e Diade, entrambi firmati dalla designer e concepiti per assolvere anche funzioni fonoassorbenti. L’idea riflette un pensiero cardine di Monica Armani: “Ho pensato lo spazio Somium come un luogo elegante e multifunzionale caratterizzato da un elevato comfort acustico. Ho lavorato con quinte, tendaggi e ho poi aggiunto le lampade fonoassorbenti, elementi “in aria”, forse meno comuni, che danno un forte carattere all’interior design”.

Se Silenzio, con la sua struttura metallica rivestita in tessuto e il suo interno tridimensionale concepito per miscelare la luce e infrangere le onde sonore, mantiene l’estetica di una sospensione “tradizionale”, Silenzioscommette tutto su una forma sottile e sulla sua inusuale apparenza che permette di evitare la realizzazione di controsoffitti. Scelte nelle tonalità del grigio, le lampade dialogano con tavoli condivisi in legno, sedute tecniche e soluzioni più informali (pouf, poltroncine imbottite) per le aree riunione e o per le sale relax.

  • Somiun
  • Somiun
  • Somiun
  • Somiun
  • Somiun

Nate come prodotto “di nicchia”, le lampade acustiche hanno conquistato una sempre maggiore fascia del mercato, specie negli ambiti office e contract, dove non passa in secondo piano la possibilità di personalizzare il rivestimento; i modelli a catalogo delle differenti aziende si sono moltiplicati negli anni e l’integrazione della funzione di fonoassorbenza ha portato spesso alla creazione di forme nuove e innovative.

Precedente NUOVO IMPIANTO ILLUMINOTECNICO PER L’ARENA SPORTIVA DI NANTES
Prossimo KEY ENERGY LA VETRINA PER UNO SVILUPPO TECNOLOGICO ECOSOSTENIBILE