A Napoli Città della Scienza il XIX Congresso Nazionale AIDI


Napoli
Foto di Carlo Achilli da Pixabay

Nei giorni 19 e 20 ottobre a Napoli si svolgerà il XIX Congresso Nazionale AIDI dal titolo La Luce tra cultura e innovazione nell’era digitale, con due ospiti d’eccezione che col presidente di AIDI Gian Paolo Roscio introdurranno i lavori: il lighting designer Roger Narboni, fondatore dello studio Concepto e il prof. Alan Dilani, fondatore dell’International Academy for Design and Health (IADH).

Un appuntamento importante per la storica associazione italiana di illuminazione fondata a Milano nel 1959. AIDI con questo congresso alla Città della Scienza si propone di sollecitare attraverso sessioni, tavole rotonde e dibattiti, un confronto e un approfondimento necessari per le importanti trasformazioni ed evoluzioni in atto non da oggi nel settore dell’illuminazione.

Saranno affrontati gli aspetti legati all’innovazione tecnologica con particolare attenzione al tema della sostenibilità ambientale e sociale. Sarà dato grande spazio – ci spiegano in AIDI – al rapporto tra luce e architettura e alle numerose interazioni tra l’illuminazione e l’elettronica, la domotica e le telecomunicazioni, soprattutto nel campo dell’illuminazione pubblica e delle città intelligenti.

La preparazione del congresso sul piano scientifico e multidisciplinare, si è avvalsa di autorevoli nomi del mondo dell’architettura come  Alfonso Femia e Cino Zucchi della ricerca accademica: Laura Bellia, Anna Pellegrino, Gennaro Spada, Alessandra Rufa; della progettazione illuminotecnica  Susanna Antico presidente APIL, Pietro Palladino e Alberto Pasetti;  Laura Morgagni SG Cluster Smart Communities Tech; Alessandro Marata del consiglio CNAPPC.  

Quattro le aree tematiche inividuate e oggetto del congresso:
1. Illuminazione urbana: il rapporto con la città e il suo territorio nell’era delle smart city
2. Luce, architettura e benessere sociale 
3. La progettazione degli apparecchi di illuminazione con tecnologia LED: cosa è cambiato e cosa può cambiare
4. Innovazione e nuovi strumenti per la progettazione illuminotecnica e sistemi di verifica.

Per un maggiore approfondimento delle quattro aree, tre tavole rotonde:
A. L’illuminazione pubblica nell’era digitale tra lo sviluppo della fibra ottica e il 5G
B. Il ruolo del progettista e del lighting designer nell’era digitale
C. Luce e benessere sociale. Nuove forme di design come mediazione tra tecnologia e territorio urbano.

Numerosi i partner del congresso AIDI con il loro autorevole patrocinio e collaborazione, tra questi Ministero dello Sviluppo Economico, Università Federico II di Napoli, i Politecnici di Milano e Torino, ASSIL, APIL, ENEA, Utilitalia, CNAPPC, Consiglio Nazionale degli Ingegneri, l’Ordine degli Architetti di Napoli.

Molte le aziende che hanno sostenuto questa XIX edizione: A2A Illuminazione Pubblica, Cariboni Group,Enel X, Performance in Lighting , Arianna, Citelum, City Green Light, Gewiss, Iren, Neri, Osram, Schréder Acea, Algorab, Engie, Gmr Enlights, iGuzzini, Lef, Litek, Reverberi Enetec, Signify, Uvax, Valtellina.

Per ulteriori informazioni www.congressonazionale.aidiluce.it

Precedente All Around Work 2020 pronta al debutto la biennale dedicata agli spazi dell’abitare e del lavoro
Prossimo 16 case in 5 diverse città Copenaghen, New York, Napoli, Shanghai, Venezia