LUCE, arte&forma La poesia della luce urbana


Fulgida
“Fulgida”, 2019 Led, ferro e trasformatori, 5,5x,5x5 x h 6,5 mt Castello di Brescia, Ph. P.Lazzarini

Giovedì 24 settembre, alle ore 16.55 si svolgerà il webinar “La poesia della luce urbana”, il primo di un ciclo di incontri ed eventi organizzati da AIDI Associazione italiana di Illuminazione, dal titolo “LUCE, arte&forma” che affronteranno tutti gli aspetti della luce nella sua dimensione di valore emozionale e di riconoscimento, quale importante mezzo “di comunicazione empatico per la sua capacità di attivare emozioni e suggestioni grazie ad un uso artistico del suo linguaggio e all’applicazione di una tecnologia sempre più avanzata e sofisticata”.

In questo primo incontro, che si svolgerà in modalità webinar, si parlerà di come la Light Art sia un linguaggio sempre più presente all’interno del panorama urbano e degli scenari, attuali e futuri, di questa forma di rappresentazione artistica. L’argomento sarà affrontato con l’intervento dei diversi protagonisti coinvolti nella realizzazione di questa dimensione artistica: lighting designer, light artist e aziende che producono tecnologia o che organizzano festival e manifestazioni.

Massimo Uberti Today I Love You
Massimo Uberti Today I Love You, 2015, Amsterdam Installazione permanente
 Led, trasformatori e ferro
, 170×1200 cm


 
Intervengono: Romano Baratta, lighting designer e light artist, Alessandra Paruzzo, Iren Smart Solution del Gruppo Iren Energia, soci AIDI, l’utility che affianca il Comune di Torino dal 1998 nell’organizzazione di Luci d’Artista, la manifestazione culturale e internazionale avviata allora su iniziativa di Fiorenzo Alfieri, attuale presidente del Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea; Marzo Zucchinali di Clay Paky, soci AIDI, e Massimo Uberti tra i più interessanti artisti italiani di Light Art , di cui recentemente su queste pagine la storica e critica dell’arte Jacqueline Ceresoli ha scritto della grande installazione luminosa SPAZIO AMATO, incastonata come un diamante lo scorso agosto all’interno dell’oasi WWF del Lago di Burano a Capalbio, Grosseto.  

Modera l’incontro Alessandra Reggiani, architetto, lighting designer, consigliere nazionale AIDI e coordinatrice per l’Associazione del Gruppo di Lavoro Light Art. Introduce Mariella Di Rao, responsabile comunicazione e marketing di AIDI.
La partecipazione è gratuita previa iscrizione qui

In chiusura ricordiamo ai nostri lettori parlando sempre di Light Art l’inaugurazione sabato 26 settembre, alle ore 18.00, della Biennale Light Art di Mantova 2020, a cura di Vittorio Erlindo con la collaborazione di Gisella Gellini e Gaetano Corica per la parte dedicata alla Black Light.

Il tema Elogio della luce tra destrutturazione e ricostruzione degli spazi, propone una vera e propria sfida tra Light art e Black light di artisti italiani e internazionali e gli spazi interni ed esterni della Casa del Mantegna e del Tempio di San Sebastiano di Leon Battista Alberti

Per sapere di più di questa terza edizione della Biennale vi invitiamo alla lettura su LUCE: 

Precedente Inaugura PART a Rimini Ospiterà le opere d’arte donate alla Fondazione San Patrignano
Prossimo ANTY PANSERA CRITICA E STORICA DEL DESIGN COMPASSO D’ORO ALLA CARRIERA