IL CINEMA LONDINESE ILLUMINATO DA NULTY


Archilight Cinema

Un teatro dove lo spettacolo inizia ancor prima della proiezione è l’Archilight Cinema di Londra. Lo spazio si inserisce nel più grande progetto di rigenerazione urbana che interessa attualmente l’area della Battersea Power Station, sulla riva sud del Tamigi. Costruita all’inizio del secolo scorso, la centrale a carbone è rimasta attiva fino al secondo dopoguerra, trasformandosi poi in una delle icone della capitale inglese soprattutto per il suo largo utilizzo nella cultura pop; su tutti, val la pena ricordare l’immagine dell’impianto e delle sue alte ciminiere sulla copertina dell’album Animals dei Pink Floyd. I lavori per la ridefinizione della zona sono iniziati nel 2013 finiranno solo tra qualche anno, ma il Circus West Willage nella parte occidentale del sito è già stato ultimato. Si tratta di un quartiere a destinazione mista, dove il senso di comunità è garantito dalla presenza di abitazioni, spazi commerciali e diversi servizi.

Archilight Cinema si inserisce in questo contesto. Non si tratta della “solita multisala”, ma di un boutique cinema con tre sale, grande foyer e interni raffinatissimi dalle tinte decise (verde petrolio, blu pavone) abbinate a dettagli in ottone e finiture dal sapore vagamente deco.

Archilight Cinema

Il progetto illuminotecnico è stato affidato a uno dei nomi del lighting d’oltremanica più celebri – lo studio Nulty e dimostra come un corretto approccio a questa disciplina sia in grado di dare valore agli spazi, rendendoli estremamente funzionali e caratterizzandoli più di quanto possa fare il solo interior. Le sale sono dotate di un sistema acustico (necessario per escludere il rumore della vicina ferrovia) composto da pannelli fonoassorbenti che, installati a diverse altezze e con differenti angolazioni, rivestono pareti e soffitto; il team di Nulty ha scelto di valorizzare l’estetica dei pannelli, illuminando teatralmente gli spazi vuoti tra i differenti elementi con downligh Led. Sono stati pre-impostati diversi scenari, le luci sono più forti quando gli spettatori prendono posto e vengono via via dimmerate durante i trailer, per spegnersi con gradualità all’inizio del film. Il pattern definito dai pannelli rimane sempre visibile, ma i valori di illuminamento non interferiscono con una corretta visione dello schermo e non creano distrazioni.

Archilight Cinema

Precedente CARLO URBINATI DI FOSCARINI ELETTO PRESIDENTE ASSOLUCE
Prossimo DANIEL BUREN ALLA GAMEC DI BERGAMO ILLUMINARE LO SPAZIO A DISTANZA