LA CAFFETTERIA SPERIMENTALE FIRMATA DA PARK ASSOCIATI


Prima Café di Milano
Prima Café di Milano

Riflesso della vita contemporanea, dove sfera privata, socialità e universo lavorativo spesso collidono e si compenetrano, il nuovo Prima Café di Milano introduce un nuovo concept di “luogo ibrido”, in perfetto equilibrio tra dovere e piacere.

Inaugurato da poche settimane al numero 63 di corso Garibaldi, lo spazio progettato da Park Associati per la compagnia Prima Assicurazioni è una caffetteria-bistrot-cocktail, bar aperto ogni giorno dalla mattina a tarda serata, ma anche una location disponibile per eventi privati e un punto d’appoggio per lavorare smart tra un appuntamento e l’altro.

Affacciato con vetrate a tutta altezza verso la strada, il Prima Cafè dichiara la sua identità fluida attraverso interni flessibili e informali, ispirati alle scenografie dei grandi concerti rock e, contemporaneamente, agli interni eleganti delle case borghesi Anni ’50. Il grande bancone con bottigliera retro-illuminata situato al centro divide lo spazio in una zona attrezzata con piccoli tavolini e in una, più interna, risolta con divanetti e imbottiti per una maggiore privacy.

Prima Café di Milano

Gli arredi, in gran parte prodotti su disegno, scommettono sui toni freddi del viola e del blu in abbinamento a dettagli color bronzo e a pareti tridimensionali ispirati all’Arte Cinetica rivestite con del tessuto plissettato dall’effetto materico in continuo apparente movimento. L’illuminazione, realizzata in collaborazione con iGuzzini, genera atmosfere diverse a seconda delle ore del giorno. Il sistema è composto da una cascata di 600 tubi trasparenti e riflettenti sospesi a soffitto, illuminati da proiettori LED. L’intensità e il colore della luce sono programmati per modificarsi nel tempo: chiari e discreti durante il giorno, caldi e intensi la sera, seguendo i principi del ritmo circadiano in cui la luce tiene conto del ciclo biologico umano per garantire il massimo benessere.

  • Prima Café di Milano
  • Prima Café di Milano

A cavallo tra sperimentazione architettonica e arguta mossa di marketing, Prima Café lancia un forte segnale di positività dopo un periodo difficile e dichiara – senza paura, senza mezzi termini – che è possibile tracciare un nuovo percorso per la ripartenza.

Precedente TOMAS SARACENO A PALAZZO STROZZI MENO INDIVIDUALITÀ, PIÙ RECIPROCITÀ
Prossimo L’ORIGINE DELLA LUCE SECONDO DAVIDE GROPPI