ISOLA DESIGN DISTRICT: METTERE IN LUCE I DESIGNER DELLA PROPRIA COMMUNITY


Isola Design District

Mesi molto complicati lo sappiamo per l’industria del design, dall’annullamento dell’edizione del Salone del Mobile a Milano Design Week ;e di tanti altri eventi e progetti dove il mondo del design sarebbe stato protagonista. Ma gli organizzatori di Isola Design District, da Gabriele Cavallaro, non si sono mai fermati e nelle scorse settimane hanno avviato un processo di digitalizzazione dell’evento che avevano in mente già da tempo. L’obiettivo quello di sempre: mettere in luce i designer della propria community.

La nuova piattaforma sarà online a metà di giugno e sarà lanciata insieme ad un programma di eventi in live streaming dal 16 al 21 giugno, le stesse date in cui si sarebbe dovuta tenere quest’anno la Milano Design Week.

“Il nostro progetto iniziale si sta evolvendo – spiega Cavallaro – siamo stati il primo distretto italiano a diventare parte di una manifestazione di design straniera, la Dutch Design Week di Eindhoven, e adesso stiamo creando una nuova piattaforma che sarà accessibile a tutti, ovunque ed in qualsiasi momento”.

Sono 4 le nuove sezioni del sito web: Isola Design Community, Isola Design Magazine, Isola Digital District, Isola Virtual Locations”.

Isola Design District piattaforma

Vediamole:

ISOLA DESIGN COMMUNITY
Designer e studi di design potranno creare una loro pagina inserendo bio, progetti, foto e video, per mostrarli online tutto l’anno ed incontrare virtualmente i loro futuri clienti, buyer, partner e appassionati attraverso un tool di direct messaging. Il team di Isola Design District sta già selezionando i designer candidati ad essere parte attiva della community, per garantire sin dai subito contenuti che siano in linea con le tematiche del distretto e di alta qualità. 

ISOLA DESIGN MAGAZINE 
Per rimanere aggiornati su tutte le novità del distretto e in generale sul mondo del design, gli utenti potranno accedere ad una versione evoluta del precedente blog di Isola Design District. I contenuti saranno frutto del lavoro del team editoriale, ma anche di una selezione di media partner e designer, che tratteranno tematiche come innovazione, economia circolare e bio materiali. 

ISOLA DIGITAL DISTRICT
Una vera e propria versione digitale del quartiere Isola, ridisegnato per essere facilmente fruibile, attraverso un’interfaccia grafica animata che coinvolgerà gli utenti. Con un semplice clic su un edificio o un oggetto, sarà possibile accedere a una serie di contenuti di diversa tipologia, come mostre in realtà virtuale, live streaming e webinar, e-store di design, dove i designer potranno presentare i propri progetti in anteprima

ISOLA VIRTUAL LOCATIONS 
Infine, designer, brand ed aziende potranno creare le proprie sedi virtuali ed organizzare mostre o installazioni in 3D.  Il primo spazio del genere ad essere presente sulla piattaforma sarà un’immaginaria fabbrica abbandonata, che ospiterà l’Isola Virtual Exhibition: un’esposizione collettiva curata da Isola Design District. Al suo interno, da un lato i designer potranno presentare i loro lavori in anteprima e farli conoscere dall’altro gli utenti avranno la possibilità di navigare tra gli ambienti della location ed interagire con i pezzi esposti per scoprire contenuti inediti, come tutti i dettagli di un prodotto e di chi l’ha disegnato, ma anche acquistare online attraverso gli e-store presenti nella piattaforma. 

L’iniziativa non andrà certo a sostituire l’evento fisico, ne sarà piuttosto parte integrante, grazie ad un piano di sviluppo a lungo termine che prevede l’inserimento di ulteriori servizi digitali e consentirà ai designer, alle aziende e ai partner che faranno parte del progetto di avere maggiore visibilità durante tutto l’anno, da laptop, smar- tphone e tablet.

Per scoprire la nuova piattaforma, conoscere i primi designer della community e aderire agli eventi digitali in programma, a partire dal 16 giugno:

@isoladesigndistrict su Facebook ed Instagram 

visitare direttamente isoladesigndistrict.com 

Precedente APIL, SECONDO INCONTRO: IL PRESENTE E IL FUTURO DELLA LUCE
Prossimo PEROCUBE, UN PROGETTO EUROPEO