SMART CITY INDEX DI EY 2020 TRENTO LA CITTÀ PIÙ SOSTENIBILE


Photo ©Karol D from

Trento è la città più sostenibile d’Italia (per trasporti, energia e ambiente), seguita da Torino (2°), Bologna (3°), Mantova (4°) e Milano (5°), oltre il cinquantesimo posto Trieste (57°), Siena (70°), (Alessandria (75°), Roma (78°),Salerno (86°), Palermo (94°), Grosseto (103°), Catania (108°).

È quanto emerge dai primi risultati dello SMART CITY INDEX di EY 2020, con un focus sulla sostenibilità delle infrastrutture urbane, che verrà presentato a maggio in occasione della quinta edizione Summit di EY.

Le infrastrutture delle città sono state esaminate tenendo in considerazione quattro driver:
sostenibilità, nelle diverse componenti del trasporto, dell’energia, dell’ambiente
resilienza,  quanto le infrastrutture sono sensorizzate e governate, per resistere agli stress ambientali e anche quelli derivanti dagli eventi che le stesse città organizzano
accessibilità, in termini di mobilità facilitata e reti di  comunicazione fissa e mobile
 inclusività,   quanto le infrastrutture sono sono progettate coinvolgendo i cittadini e con meccanismi di ascolto, attraverso processi partecipati delle principali scelte urbanistiche delle città.

Sempre più le infrastrutture urbane in tutta Europa e in italia stanno evolvendo verso la sostenibilità, questo riguarda in particolare tre reti su cui si basa buon il funzionamento della città: le reti di trasporto, quelle energetiche e ambientali. Il rapporto analizza il tema della sostenibilità urbana, prendendo in considerazione quanto Smaty sono tali componenti delle città.

Smart City Index di EY 2020 ha analizzato le 109 città capoluogo italiane, classificando il loro sviluppo Smart e misurando la loro capacità di innovare e offrire servizi ai propri cittadini.

Dal report di EY emerge che tre città metropolitane sono presenti nelle prime cinque (Torino,2°, Bologna,3°, Milano,5°), mentre le altre si classificano oltre il 40° posto. L’elenco è lungo e per alcune città sconfortante.

Le città medie occupano invece in maniera rilevante la classifica. Eccelle al primo posto Trento, Mantova al quarto posto e nelle prime 10 troviamo Bolzano, Brescia, Bergamo, Pordenone e Ferrara. Nelle prime 20 troviamo Modena, Parma, Udine, Reggio Emilia, Padova, Treviso e Monza. Nelle prime 30 troviamo Varese, La Spezia, Rimini, Vicenza, Novara,Prato e Como.

Andrea D’Acunto, Mediterranean Government and Public Sector Leader di EY, ha commentato il report evidenziando che da diversi anni le città in Italia si stanno evolvendo in maniera sensibile verso la sostenibilità e che proprio dai risultati dello Smart City Index emergono alcuni indicatori cresciuti in maniera esponenziale negli ultimi anni soprattutto nelle città metropolitane come Milano, Torino, Bologna o nelle città medie del Nord. Ma che esiste ancora un grande divario con le città del Sud, ad eccezione delle città di Lecce e Bari che si collocano tra le prime 50 nella classifica dedicata al tema della sostenibilità.

Riportiamo altri estratti del report con informazioni e dati, alcuni senz’altro confortanti ma chiari indicatori di quanto ancora molto c’è da fare nella maggior parte delle città italiane.

La mobilità elettrica è quella che ha registrato gli incrementi più significativi: le colonnine di ricarica nei comuni mostrano dei tassi di raddoppio ogni due anni negli ultimi quattro anni (+92% negli ultimi due anni), e sono quindi più che quadruplicate dal 2014 (+357%). Anche le auto elettriche ed ibride aumentano a tassi importanti, essendo più che triplicate negli ultimi 4 anni (+259% dal 2016).

Mobilità condivisa: Milano è la prima città italiana per sharing mobility (+3.000 auto e 4.800 biciclette a fine 2019).
Auto elettriche ed ibride:  triplicate negli ultimi 4 anni (+259% dal 2016).

Energia sostenibile 
Gli indicatori relativi all’energia mostrano un trend crescente verso la sostenibilità. 

L’illuminazione pubblica è costantemente soggetta al processo di modernizzazione. I lampioni pubblici con Led hanno raggiunto il 36,5% del totale, triplicando rispetto a due anni prima.

Interventi di riqualificazione edilizia sono in aumento ma con numeri irrilevanti, negli ultimi sette anni hanno riguardato 2.859 edifici nei Comuni capoluogo (circa 400 all’anno). Bologna con 248 edifici guida la classifica delle città con il maggior numero di interventi.

Credits: photo ©Karol D from Pexels

Precedente Illuminazione degli interni Guida alla progettazione
Prossimo SALARIO CENTER Luci e colori del nuovo spazio commerciale romano