Illuminazione degli interni Guida alla progettazione


installazione, illuminazione d'interni
Installazione con sorgenti OLED per l’uscita di uno dei modelli della casa automobilistica inglese Aston Martin (doc. Jason Bruges Studio)

Questo nuovo volume, Illuminazione degli interni – Guida alla progettazione, a cura di Mario Bonomo e Chiara Bertolaja, presente nelle principali librerie tecniche del Paese, si propone di fornire ai progettisti non illuminotecnici d’immobili e di arredi le nozioni base per una progettazione illuminotecnica professionale, sia pure soltanto di massima. Esso comprende tutti gli aspetti fondamentali della luce: la sua genesi, le grandezze fotometriche e le loro applicazioni nel processo progettuale, con una trattazione congiunta dei due aspetti, quello teorico e quello applicativo, che ha reso meno arida e più interessante questa parte della materia; i sistemi di misura; le sorgenti luminose – in particolare i LED che si stanno sostituendo a tutte le altre sorgenti tradizionali in forza delle loro eccezionali prestazioni, in tutte le principali esecuzioni in cui attualmente vengono realizzati; e con un cenno anche agli OLED, di cui cominciano ad apparire le prime esecuzioni d’indubbio interesse – gli apparecchi, per le diverse modalità d’installazione e le forme d’emissione luminosa più comuni; gli obiettivi d’una progettazione, in relazione alle diverse tipologie e finalità delle installazioni; l’integrazione dell’illuminazione naturale con quella artificiale; la valutazione dei costi d’esercizio; l’illuminazione d’emergenza. Un cenno è anche rivolto alle essen- ziali nozioni di elettrotecnica, indispensabili per il progettista dell’impianto d’illuminazione.

Nel libro sono messi in evidenza anche gli errori più ricorrenti che vengono commessi nell’esecuzione degli impianti e sono quindi esposti esempi di progettazione per le applicazioni più comuni, per i quali sono indicate le modalità di calcolo manuale e, per alcuni, la verifica dei risultati con l’uso dei programmi di calcolo: la specchiera d’una toilette; un ufficio; una sala da pranzo; una camera d’albergo, con l’illustrazione degli scenari luminosi conseguibili con le diverse accensioni e il risultante costo energetico annuo; una biblioteca; un ristorante; la lavagna in un’aula scolastica; la scaffalatura d’un negozio; l’integrazione della luce naturale con quella artificiale in un ufficio e il calcolo del risparmio d’energia conseguibile; la navata d’una Chiesa, con un’illuminazione diretta oppure indiretta.

È inoltre presente un tutorial molto basico per uno dei più comuni programmi di calcolo, che aiuta passo a passo a verificare uno degli esempi di progettazione prima illustrato. Sono quindi esposte le prestazioni raccomandate per i luoghi e le attività più ricorrenti: il valore minimo dell’illuminamento medio mantenuto (cioè riscontrabile in qualsiasi momento della vita dell’installazione), la sua uniformità, la sua distribuzione attorno e sullo sfondo del compito visivo, il grado minimo di controllo dell’abbagliamento, la resa cromatica minima richiesta.

Segnaliamo che al volume è associato un software comprendente un repertorio fotografico, tra cui le immagini a colori del testo, un video di approfondimento per la determinazione dello spazio entro cui le sorgenti luminose che illuminano una superficie riflettente non vanno collocate, lo sviluppo passo passo di due verifiche illuminotecniche con un programma di calcolo, un glossario con la definizione di tutti i termini tecnici impiegati, domande e risposte per la verifica dell’apprendimento (F.A.Q.). Nel software, segnaliamo con rinnovata stima per gli Autori, che è pure compreso qualche inevitabile errata-corrige del testo – immancabile come sap- piamo in qualsiasi libro – grati di questo nuovo volume scritto molto bene e molto interessante, frutto del loro rinnovato impegno, studio e passione per la diffusione della cultura della luce nel nostro Paese

Chiara Bertolaja, laureata in Architettura al Politecnico di Milano dove dal 2005 è docente, alla Facoltà di Disegno Industriale, per i corsi di “Master in Lighting Design”. Il percorso di specializzazione nel settore dell’illuminazione la porta alla progettazione di numerosi impianti d’illuminazione fra cui tra altri gli interni della Basilica Superiore di San Francesco ad Assisi e della Basilica di San Lorenzo a Milano. Ha pubbli- cato, come coautore, diversi volumi tra cui: Illuminazione d’interni, Ed. Maggioli, 2008; L’illuminazione delle Opere d’arte, Guida alla progettazione, Ed. AIDI, 2013.
Mario Bonomo, laureato in Ingegneria elettrotecnica al Politecnico di Milano. Docente incaricato per molti anni al Master di “Progettazione illuminotecnica”. Dal 1965 al 1989 direttore della rivista LuCE. Dal 1970 al 1991 rappresentante italiano nella Divisione IV “Illuminazione degli esterni” della Commissione Internazionale d’Illuminazione per il CNR. Tra altri, ha realizzato l’illuminazione della Pinacoteca Vaticana, della Basilica di S. Marco a Venezia, della Basilica di S. Francesco ad Assisi; del Duomo di Lecce. Ha pubblicato, fra altri, i volumi Luce nelle chiese Ed. AIDI 2010 e L’illuminazione delle Opere d’arte, Guida alla progettazione Ed. AIDI, 2013.

L’articolo è originariamente apparso su LUCE n°313, settembre 2015.

Precedente Jacopo Acciaro. Una luminosa quarta dimensione
Prossimo SMART CITY INDEX DI EY 2020 TRENTO LA CITTÀ PIÙ SOSTENIBILE