TRA LUCI, ULIVI E STELLE PER UNA TENUTA BIOCLIMATICA


Tenuta di Sipio

Nel dolce territorio abruzzese, tra colline coltivate a uliveti e vigneti che ne arricchiscono il paesaggio, sorge Tenuta di Sipio, azienda agricola oggetto di un’importante ed eccellente ristrutturazione che ha coinvolto larga parte della struttura e che l’ha trasformata – da anonima costruzione degli anni ottanta – in un esclusivo ristorante bioclimatico con una favolosa piscina.

Il progetto strutturale e illuminotecnico è stato affidato a Rocco Valentini – architetto nato nel piccolo borgo medievale di Crecchio in provincia di Chieti, dove tuttora vive e opera seguendo ristrutturazioni e restauri– e al suo staff, i quali hanno sviluppato un concept architettonico di sapore naturalista, ispirato al simbolo dell’albero e alle sue forme che si diramano verso l’alto, in cerca di luce e di vita.

Tenuta di Sipio interno

Come un albero quindi, la struttura portante parte da terra con un tronco che poggia su un angolo dell’involucro vetrato, da cui derivano poi le diverse lame triangolari realizzate in Cor-Ten (dall’inglese CORrosion resistance + TENsile strength); l’acciaio dalla particolare colorazione ruggine e dall’aspetto mutevole che lo rendono protagonista di opere architettoniche e artistiche di forte impatto.

Tutti gli elementi strutturali formano un intreccio complesso e armonioso di rami tra la sala e il soffitto: una trama sinuosa fatta di elementi snelli e organici che salgono al cielo e tornano a terra. Prospetti inclinati e grandi squarci vetrati sono evidenziati egregiamente da un gioco di chiaroscuri e luci soffuse, piacevolezza ancor più accentuata dalla colorazione bruno-rossastra dell’acciaio Cor-Ten. Questa caratteristica di mutevolezza conferisce al materiale la definizione di “metallo vivo”: se la patina superficiale viene intaccata o scalfita, infatti, il processo di ossidazione riparte fino a costruire una nuova protezione.

Tenuta di Sipio

La soluzione crea la sensazione e il fascino di stare in un ambiente esterno, atmosfera enfatizzata dalla totale trasparenza del perimetro e dalla pavimentazione, ispirata ai tipici basoli che caratterizzavano le strade di centri storici ottocenteschi. Durante il giorno, il tempo è scandito dalla luce naturale filtrata attraverso gli intrecci dei folti rami, di notte le luci puntiformi si riflettono sulle vetrate e si confondono con il cielo stellato. I tavoli, progettati appositamente per la sala, sono anch’essi in Cor-Ten con piano in vetro, per amplificare il gioco delle luci.

Per l’illuminazione è stata scelta Ginko dell’azienda veneta L&L Luce&Light, la famiglia di proiettori fresca di premio Muuuz International Awards (MIAW); nello specifico, per la sala ristorante troviamo la versione Ginko 2.0 con ottica stretta 17° e finitura antracite, con proiettori fissati direttamente ai rami della struttura per ottenere un ambiente riservato ed elegante.

All’esterno, l’eleganza della piscina è stata enfatizzata da alcuni Moby 2.1, incassi da immersione con frontale in vetro particolarmente minimali premiati con il German Design Award 2019 per il loro equilibrio e la gamma di soluzioni e scenari luminosi che possono produrre.

Tenuta di Sipio, piscina

Il frontale in vetro extrachiaro temprato di 16mm di spessore e la serigrafia vetrificata garantiscono la massima resistenza agli urti e conferiscono all’apparecchio un’integrazione visiva con il rivestimento subacqueo, lasciando spazio solo all’azione luminosa (colore Led: 3000K). Adatti a diversi tipi d’immersione – in acqua marina o termale, fino alle piscine con cloro – possono essere installati fino a una profondità di 10m e, grazie al sistema IPS (Intelligent Protection System) brevettato da L&L, sono protetti da eventuali infiltrazioni d’acqua. Questa innovazione garantisce inoltre protezione elettrica da inversione di polarità, hotplug, ESD e sovratensioni che possono verificarsi in caso di malfunzionamenti dell’impianto elettrico.

Da un punto di vista energetico, tutto lo spazio sfrutta il principio della serra bioclimatica: nei mesi caldi e temperati, il clima all’interno della struttura – che ospita un bar, un punto vendita e la cucina a vista sulla sala – è ottimizzato da speciali vetrate che tagliano i raggi ultravioletti e infrarossi, da aperture verticali scorrevoli e dall’apertura di elementi in copertura che permettono una naturale circolazione dell’aria. Nei mesi freddi, sfrutta l’effetto serra della struttura vetrata, con il ricambio d’aria assicurato da un recuperatore di calore che immette aria pretrattata.

Tenuta di Sipio

L&L Luce&Light è un’azienda italiana specializzata nella progettazione e produzione di sistemi d’illuminazione a tecnologia Led per interni ed esterni. Conosciuta e apprezzata a livello internazionale nel settore design, tra i punti di forza ha l’alta qualità e affidabilità dei prodotti, che sono interamente sviluppati e realizzati nello stabilimento di Vicenza. L&L presta inoltre la massima attenzione alla ricerca dei materiali e alla tutela del suo valore basilare: il Made in Italy.

nome: Tenuta di Sipio
anno: 2019
luogo: Ripa Teatina, Chieti
progetto: arch. Rocco Valentini
Precedente MISSIONE ITALO-FRANCESE COMPIUTA SULL’INESPLORATO PLATEAU ANTARTICO
Prossimo Ponti e Wilmotte a Parigi