AL SUPERSTUDIO 13 CON JAKE DYSON E KAREN DAWE


Dyson illuminazione
CD06- WHSIL, 066 RGB CF06 In Use Outside LookingIn Exterior ToInterior Mood Room

Molto pubblico alcuni giorni fa a Milano, al Superstudio 13, per la presentazione a livello internazionale della lampada Dyson Lightcycle Morph™, con Jake Dyson e Karen Dawe, rispettivamente Chief Engineer e Senior Research Engineer di Dyson.
Come ha spiegato alla stampa il giovane e brillante Jake Dyson, “Con Dyson Lightcycle MorphTM abbiamo voluto sfidare le convenzioni legate alla moderna illuminazione artificiale e trovare una soluzione alternativa. Abbiamo quindi sviluppato una lampada che rileva la luce naturale e si adatta in modo intelligente a diversi impieghi, fornendo la giusta illuminazione in ogni momento della giornata, proprio dove serve”.

L’aspetto più interessante è proprio che si tratta di una lampada in grado di riprodurre alcune proprietà tipiche della luce naturale, sfruttando un algoritmo sviluppato da Dyson – il “Daylight Tracking” – e l’interazione di 3 LED a luce calda e 3 a luce fredda. Utilizzando i dati di milioni di rilevamenti satellitari delle condizioni di luce nell’atmosfera terrestre in diverse ore del giorno, la lampada regola la temperatura di colore e la luminosità in base alla luce naturale del luogo, grazie a un microprocessore da 32-bit integrato che interpreta questi dati e li comunica al driver ottico. Quest’ultimo alimenta i 3 LED a luce calda e i 3 a luce fredda, che lavorano insieme per simulare le temperature di colore della luce del giorno, comprese tra 2.700 e 6.500 K.

Ma vediamone il design più nel dettaglio. Perno dell’intera composizione è il corpo centrale con luce d’ambiente integrata, costituito da un particolare stelo in alluminio-policarbonato. Con uno spessore di soli 0,7 mm e realizzato in alluminio estruso, lo stelo presenta un’estetisca quasi trasparante, grazie a 16.740 microfori che, insieme alla presenza al suo interno di una superficie altamente riflettente, permettono una diffusione omogenea della luce per l’intera lunghezza del corpo centrale. Fissati alle due estremità, due cavi scoperti ultrasottili risalgono lo stelo andando ad alimentare in modo quasi invisibile la testa ottica rotabile a 360°, posta a coronamento del corpo centrale.

Dyson Lighting
CF06 WHSIL 015 RGB | Jake Sat Next To Light On Left

Dotato di pratici comandi touch, questo elemento monta un riflettore ettagonale attraversato da uno strato di pellicola di diffusione PMMA che mescola in modo uniforme la luce dei LED a luce calda e fredda, contribuendo a creare un’unica fonte luminosa con un’elevata qualità di ombra.

Grazie al sensore ambientale integrato, in caso di cambiamento repentino della luce di sfondo la lampada regola automaticamente la propria resa per mantenere costante la luminosità dello spazio, mentre un sensore di movimento a infrarossi accende la luce quando ci si avvicina e la spegne se nessuno si trova in sua prossimità per cinque minuti, contribuendo così a risparmiare energia.

L’innovativa tecnologia Heat Pipe dissipa il calore dai LED, creando un ciclo di raffreddamento ininterrotto e privo di energia, che permette di mantenere la qualità della luce costante fino a 60 anni.

Personalizzabile tramite la app Dyson Link, la lampada può illuminare una stanza in quattro diverse modalità: luce da lavoro, indiretta, da interni e da ambiente. Molteplici sono gli scenari luminosi previsti.

Adatta ad attività di dettaglio, la Precisione garantisce un indice di resa cromatica di 90 o superiore (su 100), mostrando i colori come appaiono alla luce naturale. La modalità Precisione migliora l’acuità visiva, emettendo un fascio di luce ad alta intensità e con temperatura di colore più fredda (4.600 K).

La modalità Studio supera i livelli di luce raccomandati per lo studio e consente di regolare la temperatura di colore durante il giorno.

La modalità Relax emette una luce più calda a bassa intensità, ma sufficiente per la lettura; grazie alla funzione Age Adjust e all’app Dyson Link, la resa luminosa si adegua all’età di chi la utilizza.

Quando è agganciato in modalità luce d’ambiente, lo stelo si illumina per creare un confortevole bagliore arancione e può essere impostato per il relax serale con luce blu ridotta. Un filtro arancione posto alla base della lampada crea i livelli di luce più caldi, riducendo ulteriormente la temperatura di colore da 2.700K a 1.800K, emulando così il colore della luce delle candele.

La modalità Boost è progettata per attività che richiedono più luminosità per un periodo limitato, emettendo luce più brillante e rendendo la temperatura di colore più fredda a intervalli di 20 minuti.

Nella modalità Sveglia, l’utente può impostare la lampada affinché si accenda all’ora in cui desidera svegliarsi aumentando gradualmente la sua luminosità, così da creare una più naturale atmosfera di risveglio.

La modalità Notturna è pensata per un utilizzo serale: disattiva il sensore di movimento della lampada in modo che la luce non si accenda se l’utente si muove durante il sonno. Inoltre, riduce la luminosità e la temperatura di colore al minimo, così da non recare fastidio nel caso in cui la lampada sia posta sul comodino e accesa durante la notte, mentre la stanza è al buio.

Nella modalità Assente, la lampada si accende e si spegne a orari prestabiliti per simulare la presenza di persone in casa, fungendo così da luce di sicurezza.

Per ultimo, segnaliamo, la lampada è anche dotata di una porta USB-C per il caricamento di cellulari e tablet.

Dyson Lighting
CD06 BLKBLK 008 qq RGB 3Q | Right Orthographic Light On

Nata nel 1993 in una vecchia rimessa per carrozze vicino a Bath, nel Regno UnitoDyson è oggi una global technology company, che svolge attività di progettazione, ricerca, sviluppo e collaudo in UK, Malesia, Singapore e Filippine. Il suo team di robotica Dyson Robotics Lab dell’Imperial College di Londra è uno dei più numerosi. Oltre 10 mila tra brevetti depositati e in attesa di registrazione in tutto il mondo; 14.000 dipendenti, di cui 6.000 tra ingegneri e scienziati. Qualche notizia sul fatturato: nel 2018 è aumentato del 28% fino ad arrivare a £4,4 miliardi mentre i profitti sono saliti del 33% a £1,1 miliardi.

Nel 2004 Jake Dyson, figlio maggiore di James, fonda l’azienda Jake Dyson Light,che nel 2015 entra a far parte di Dyson. Laureato in disegno industriale alla prestigiosa Central St Martin’s di Londra, la Ricerca fa parte del suo DNA, passione appresa accanto al padre nella costruzione di apparecchi domestici come il rivoluzionaro aspirapolvere.

Karen Dawe entra in Dyson nel 2017, dopo 15 anni di esperienza come neurescienziata all’Università di Bristol, dopo aver studiato psicologia all’Università di Oxford e conseguito il dottorato in neuroendocrinologia nel 2007. Ha lavorato a una serie di progetti di ricerca per comprendere come la psicologia, l’esposizione a fattori ambientali e alla luce del sole possano avere impatto sulla salute, sul benessere e sulle prestazioni cognitive. Continua a studiare il rapporto tra luce e corpo umano, per sviluppare prodotti in grado di migliorare la qualità della vita.

Precedente Alessandro Carletti. Dare la luce al buio del teatro
Prossimo TRE LEZIONI CON LUCIANO FLORIDI AL TEATRO FRANCO PARENTI