LA LUCE E L’ULTIMA CENA DI LEONARDO DA VINCI


Ultima Cena Leonardo

Il colore che si trova infra la parte ombrosa e l’illuminata de’ corpi ombrosi sarà di minor bellezza di quello che sarà interamente illuminato; adunque la prima bellezza de’ colori sarà ne’ principali lumi”

Leonardo da Vinci, Trattato della Pittura, parte seconda, 238 ‘De’ colori’

Nel calendario ricchissimo di mostre, eventi e convegni in Italia (e non solo) per celebrare i 500 anni dalla morte di Leonardo, la Città di Milano, dove il genio passò 17 anni della sua vita, lo ha celebrato con diverse mostre, di cui alcune in corso. Dalla prima al Cenacolo Vinciano, “Leonardo: prime idee per l’ultima cena. Disegni dalle collezioni reali inglese”, a Palazzo Reale con “Il meraviglioso mondo della natura” e “La cena di Leonardo per Francesco I: un capolavoro in seta e argento“; dal Castello Sforzesco con “Leonardo mai visto” “Leonardo e la Sala delle Asse tra natura, arte e scienza“, alla Biblioteca Ambrosiana con “Leonardo in Francia. Disegni di epoca francese dal Codice Atlantico” e “Leonardo e il suo lascito: gli artisti e le tecniche”. E ancora, al Poldi Pezzoli “Intorno a Leonardo. La Madonna Litta e la bottega del Maestro” e la più recente “Leonardo e la Madonna Litta”, e al Museo della Scienza e della Tecnologia “Leonardo da Vinci” la mostra “Leonardo da Vinci Parade“, in attesa che a novembre aprano le Nuove Gallerie dedicate al Maestro.
E, inoltre, tra non molto, a Palazzo Litta, splendido palazzo settecentesco, la mostra “La corte del gran maestro. Leonardo da Vinci, Charles d’Amboise e il quartiere di Porta Vercellina”, con due fogli del Codice Atlantico nei quali Leonardo traccia il disegno dell’isolato della sua residenza milanese (l’attuale Palazzo Litta).

In questa cornice di grandi eventi segnaliamo il prossimo 23 ottobre 2019, dalle ore 9.30, presso la Sala Azzurra di Palazzo Litta in Corso Magenta 24, l’importante giornata di studio convegno “La luce e l’Ultima Cena di Leonardo da Vinci”, organizzata dal Polo Museale della Lombardia, Museo Nazionale del Cenacolo Vinciano e Fondazione Cineteca Italiana (fondata dai registi Luigi Comencini e Alberto Lattuada nel 1947). L’ambizioso obiettivo è creare un’occasione di confronto sui temi della luce e dell’illuminazione dell’opera in un’ottica di multidisciplinarietà, aprendosi al racconto di esperienze recenti di nuova illuminazione di opere d’arte e monumenti, senza tralasciare il tema della funzione attraverso la luce anche in ambito cinematografico.

Strumento espressivo per ogni artista, la luce è anche il mezzo per la percezione delle opere e dei monumenti, e la corretta illuminazione è una sfida che implica attenzione alla fruizione, alla valorizzazione e agli aspetti conservativi delle opere. Per l’affresco dell’Ultima Cena di Leonardo da Vinci la luce che pervade la scena viene percepita ancora oggi come uno dei principali elementi espressivi utilizzato dall’artista per creare un’opera di straordinario coinvolgimento emotivo. 
Ma la fragilità materica dell’opera di Leonardo esige un’attenzione particolare ai problemi conservativi, al punto che programmi di conservazione preventiva sono divenuti la prassi nel Museo del Cenacolo fin dall’inizio degli anni Novanta del Novecento. 
In quest’ambito rientra anche la grande attenzione data alla corretta illuminazione del Refettorio e del dipinto dell’Ultima Cena, e l’approccio interdisciplinare al tema non ha mai trascurato anche gli aspetti legati alla fruizione. 

Un convegno con autorevolissimi studiosi e storici dell’arte che si propone anche di far emergere le tematiche e problemi da affrontare in vista della progettazione di un nuovo apparato di illuminazione del refettorio di Santa Maria delle Grazie. Tra i relatori segnaliamo con piacere il mondo della luce italiana ben rappresentato da Piergiovanni Ceregioli, Laura Cinquarla, Alberto Pasetti Bombardella, Francesco Jannone e Serena Tellini. 

Programma
“LA LUCE E L’ULTIMA CENA DI LEONARDO DA VINCI”
Modera: Emanuela Daffra – Polo Museale della Lombardia 
ore 9,30 
Saluti istituzionali 
ore 10,00 
Matteo Pavesi – Fondazione Cineteca Italiana 
Il progetto “Ultima Cena per immagini. Il cinema e le immagini raccontano il Cenacolo di Leonardo da Vinci” 
 
Sezione I:
L’ULTIMA CENA E LA LUCE. DALLA PREVENZIONE ALLA FRUIZIONE 

ore 10,15 
Emanuela Daffra – Polo Museale della Lombardia 
Presentazione del Convegno e relazione introduttiva 
ore 10,40 
Pietro Marani – Politecnico di Milano 
La luce nell’arte di Leonardo da Vinci e nel dipinto dell’Ultima Cena 
ore 11,00 
Guido De Vecchi – Direttore Generale Intesa Sanpaolo Innovation Center SpASonia D’Arcangelo – Responsabile Laboratorio di Neuroscienze Intesa Sanpaolo Innovation Center SpA 
Arte e neuroscienze: “Museo del cenacolo Vinciano” 
ore 11,20 
Michela Palazzo – Museo del Cenacolo Vinciano 
Leonardo da Vinci e la pittura murale: tecnica e materiali dell’Ultima Cena 
 
ore 11,40 - 12,00 
Coffee Break 
 
ore 12,00 
Fabio Aramini, Fabio Talarico – Istituto Superiore per la Conservazione e il restauroProblemi conservativi: l’illuminotecnica e i pigmenti dell’Ultima Cena 
 
ore 12,20 
Marco Realini, Antonio Sansonetti – ICVBC-CNR 
Il Cenacolo nuove prospettive per la conoscenza delle pitture murali di Leonardo 
 
ore 12,40 
Roberto Pisoni – Direttore di SKY Arte 
La luce come strumento di fruizione nel cinema 
 
ore 13,00 
Pausa 
 
Sezione II: 
IL PATRIMONIO CULTURALE E I TEMI DELL’ILLUMINAZIONE TRA VALORIZZAZIONE E TUTELA. ESEMPI 
Modera: Pietro Petraroia – Cultura Valore 
 
ore 14,30 
Vittoria Cimino – Responsabile dell’Ufficio del Conservatore dei Musei Vaticani
Il progetto per la nuova illuminazione dei Musei Vaticani 
ore 14,50 
Piergiovanni Ceregioli, Laura Cinquarla – iGuzzini 
L’innovazione illuminotecnica a servizio dei beni culturali: miniaturizzazione, sistemi ottici e digitalizzazione 
ore 15,10 
Alberto Pasetti Bombardella – Studio Pasetti Lighting 
Il progetto di illuminazione della Scuola Grande di San Rocco, Venezia 
ore 15,30 
Francesco Iannone, Serena Tellini – Studio Consuline 
La Cappella di Teodolinda a Monza e la Galleria Carracci in Palazzo Farnese a Roma. Approccio metodologico a confronto e il Metodo Monza 
 
Conclusioni: 
IDEE PER UNA NUOVA ILLUMINAZIONE PER IL CENACOLO VINCIANO 
 
ore 16,00 
• Emanuela Daffra – Direttore del Polo Museale della Lombardia
• Luigi Ficacci – Direttore dell’Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro 
• Pietro Marani – Politecnico di Milano
• Pietro Petraroia – Già Direttore del restauro del Cenacolo Vinciano 
 
ore 17,00 
Chiusura lavori 
 
Ingresso libero fino a esaurimento posti.
Precedente IL 50° ANNIVERSARIO DI IALD AUGURI DA LUCE
Prossimo LA NUOVA LUCE DEL PARLAMENTO DELLA CATALUNYA