OMAGGIO A MARCELLO MARCHESE UN GRANDE SOCIO AIDI


L'ing. Marcello Marchese, riceve il premio come Socio Storico ph ©Giulio Crosara

L’ingegnere Marcello Marchese, socio AIDI dal 1976, ci ha lasciato nei giorni scorsi per sempre. 

Una triste, inattesa e improvvisa notizia che ci è stata comunicata dalla figlia Alessandra, alla quale tutti noi di LUCE, dal direttore Silvano Oldani, ai collaboratori e autori, all’editore, siamo profondamente vicini e a cui, commossi, vogliamo esprimere le più sentite condoglianze.   

Un uomo di grande cordialità Marcello Marchese. Sorridente e gentile, non c’era articolo che pubblicavamo su LUCE on-line di cui non ricevevamo un cortese e simpatico segnale di condivisione, un cenno che l’aveva letto, o significative parole di proseguire perché quelle notizie o articoli contribuivano ad alimentare anche un senso di appartenenza all’associazione e alla missione storica di AIDI della diffusione della cultura della luce. Sempre presente agli appuntamenti importanti dell’associazione, così come a quelli minori, che fossero convegni o riunioni di consiglio, dibattiti nella sua Lamezia Terme o nella regione, a Milano o in altre città, o, come è stato lo scorso marzo a Milano, per celebrare a Palazzo Turati il Sessantesimo Anniversario di AIDI. 

Quel giorno, in un momento di festa per tutti i soci e gli amici di AIDI, Marcello Marchese aveva ricevuto un autorevole riconoscimento: gli era stata infatti consegnata dal Presidente Nazionale Gian Paolo Roscio una targa nella quale veniva ringraziato “per il tempo e la passione dedicati all’Associazione”, di cui è stato presidente della Sezione Territoriale Calabria per diversi anni, fino a pochi giorni fa.

Aveva detto: “Gli obiettivi dell’AIDI riguardano non solo la promozione e la diffusione della cultura della luce, ma anche la presenza sul territorio e l’ampia partecipazione per la corretta gestione degli impianti di illuminazione”. Obiettivi e impegni di cui ricordiamo solo i più recenti: presso il Consiglio Regionale della Calabria, per portare avanti l’approvazione di una proposta di legge sul risparmio energetico e contro l’inquinamento luminoso, e l’organizzazione con AIDI nazionale ed ENEA di un grande evento regionale nel 2019 sui temi della pubblica illuminazione.

Lo ricordiamo e lo ricorderemo, ci mancherà la sua grande cortesia di uomo di altri tempi, ma i tempi erano proprio i suoi, uomo e ingegnere, docente del Novecento. Sensibilità, passione e modi garbati, uniti a intelligenza e gentilezza, non appartengono a tutti, e una volta trovati, quando vengono a mancare, ne sentiamo la profonda mancanza.

Precedente ALFONSO FEMIA E IN-VISIBLE LAB PER VILLA BORROMEO D’ADDA IN LOMBARDIA
Prossimo IN SCENA PIETRO PALLADINO ALL’ORATORIO DEL GONFALONE A ROMA