NUOVA LUCE AL PALABARTON DI PERUGIA


campo pallavolo illuminato

Lo storico e principale impianto cittadino (già PalaEvangelisti, inaugurato nel 1984 e poi rinominato nel 2018 PalaBarton) è sede ospitante di molti eventi perugini – sportivi e non – ma soprattutto è conosciuto ai più come il palazzetto/regno delle partite di pallavolo della squadra maschile Sir Safety Umbria Volley e di quella femminile Wealth Planet Perugia Volley. Proprio in questa struttura la squadra maschile, nell’annata 2017-18, si è allenata e ha giocato match decisivi che l’hanno portata a ottenere l’ambito Triplete pallavolistico vincendo la Supercoppa italiana, la Coppa Italia e lo Scudetto.  

Dopo oltre un trentennio quindi dalla sua costruzione, l’edificio è stato da poco protagonista di un importante lavoro di riammodernamento dell’impianto d’illuminazione; intervento necessario non solo per rispettare gli standard previsti dai regolamenti ufficiali della FederVolley ma anche per ottenere un risparmio energetico elevato.

Il Comune di Perugia ha affidato tale operazione a Thorn Lighting, storico brand d’illuminazione di alta qualità che fa parte del Gruppo Zumtobel, molto conosciuto anche come specialista di Smart City in termini di miglioramento di sicurezza e benessere grazie alla connettività e all’efficienza dei sistemi. 

squadra pallavolo femminile palabarton illuminazione ZG Lighting
PalaBarton, © ZG Lighting srl

L’intervento ha visto l’incarico di sostituire il vecchio impianto a ioduri metallici, che comportava consumi elevatissimi senza garantire adeguati valori d’illuminamento. Un’illuminazione quanto più perfettamente calibrata è, infatti, necessaria per lo svolgimento di eventi sportivi di primissimo livello – la maschile gioca in Superlega, il massimo campionato italiano, con numerosi appuntamenti che ospitano anche squadre straniere, e la femminile in serie A2 –, al punto che è proprio la Federazione a richiedere standard adeguati per lo svolgimento degli incontri, ma anche in funzione di riprese televisive HD con superslow motion

Molto recentemente il PalaBarton ha difatti ospitato, mettendo in mostra tutto il lustro della nuova illuminazione, alcune partite della Nazionale italiana femminile durante il torneo internazionale Volley Nations League.

Thorn Lighting ha agito, come già sperimentato con successo per quanto riguarda il PalaTrento, con l’installazione di 72 proiettori Altis Sport: proiettori Led ad alto flusso, 40 dei quali a fascio largo e 32 a fascio medio, tutti installati su trave americana e orientati in modo tale da garantire 1.707 lux medi orizzontali con uniformità Emin/Emed = 0,91 e rapporto di uniformità puntuale sui piani verticali nelle quattro direzioni principali Evmin/Evmax = 0,57 per una restituzione ottimale della tridimensionalità degli atleti e degli oggetti in campo. 

partita pallavolo femminile proiettori altis sport
sylla italia- bulgaria vnl 2019 perugia 11/06/2019 foto fiorenzo galbiati

Una scelta che garantisce l’assenza del fenomeno del flickering (<1%), così da rispettare perfettamente i canoni delle riprese tv in HD. Il consumo, poi, è un’altra delle eccellenze del nuovo impianto, con consumi ridotti del 70% (appena 23,18 kW con i proiettori accesi al 100%), con valori d’illuminamento doppi rispetto a prima.

Il lavoro di Zumtobel Group non si è limitato soltanto all’illuminazione classica, ma nel percorso che porta alla spettacolarizzazione degli eventi sportivi e alla necessità di avere un’ambientazione moderna e accattivante ha installato 14 proiettori Contrast RGB: proiettori architetturali compatti a Led ad alta intensità luminosa con apertura di fascio 24°.

pallavolo ragazze palabarton
PalaBarton, © ZG Lighting srl

Tutti i corpi illuminanti installati sono regolati tramite protocollo DMX: un sistema di gestione dell’illuminazione generale – nel precedente impianto non era possibile regolarla – che permette di ridurre i consumi durante le attività di manutenzione ma anche di creare spettacoli di luce, completamente programmabili e gestibili dalla centralina Sensa DMX.

Precedente A MILANO APRE IL FOYER OMAGGIO ALLA SCALA E A GUALTIERO MARCHESI
Prossimo LA SCANDINAVIA COME MODELLO PER UFFICI INNOVATIVI