NUOVA LUCE PER LA PROVINCIA DI BRESCIA


Provincia di Brescia

AL VIA IL PROGETTO RETE DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA

di Cristina Ferrari

Lo scorso ottobre, la Provincia di Brescia ed Engie Italia, filiale italiana dell’azienda energetica francese che opera nel settore della produzione e distribuzione di energia elettrica nel settore del gas naturale e dell’energia rinnovabile, hanno presentato alla stampa l’avvio operativo del progetto provinciale Rete di Illuminazione Pubblica (RIP), intrapreso dalla Provincia dal 2015.

Il progetto è stato creato per il sostegno dei Comuni del territorio nella riqualificazione dei propri impianti di illuminazione pubblica, oltre che nella riduzione dei consumi e dell’inquinamento luminoso; inoltre, alcuni Comuni verranno supportati nella riacquisizione della proprietà degli impianti. Il progetto è iniziato con la creazione di un’aggregazione di 21 Comuni –Alfianello, Chiari, Coccaglio, Concesio, Gambara, Lodrino, Nave, Ome, Padenghe sul Garda, Paderno Franciacorta, Passirano, Pezzaze, Poncarale, Puegnago del Garda, Rudiano, Seniga, Tavernole sul Mella, Tremosine, Verolavecchia; ma anche due Comuni non bresciani, ovvero Marmirolo (MN) e Capergnanica (CR) –, oltre che con la rilevazione dei dati funzionali alla progettazione. Tale aggregazione è stata resa necessaria per avviare una progettazione condivisa, che tenga però conto anche delle peculiarità dei singoli Comuni, sfruttando al massimo i benefici delle logiche di sistema.

Il bando di gara, vinto da Engie Italia, prevede l’esecuzione dei lavori di adeguamento e di messa a norma degli impianti di pubblica illuminazione, oltre alla gestione, all’esercizio, alla manutenzione ordinaria, programmata e straordinaria, e alla fornitura di energia e contestuale diffusione di servizi tecnologici integrati.

“Questo progetto rientra nel percorso più ampio che la Provincia di Brescia sta portando, a partire dall’approvazione di una propria Agenda Digitale, in linea con la strategia Comunitaria di sviluppo sostenibile, per supportare la crescita economica e sociale delle varie comunità, per la progettazione e realizzazione condivise di azioni di efficientamento energetico smart”, ha dichiarato Pier Luigi Motinelli, presidente della Provincia di Brescia.

“La rete di pubblica illuminazione comunale verrà ammodernata attraverso la sostituzione di oltre 23.000 corpi illuminanti con la nuova tecnologia Led, a copertura del 90% del territorio, e verranno realizzati 70 km di nuove linee elettriche e cavidotti, consentendo un notevole risparmio energetico con una conseguente diminuzione dell’inquinamento, equivalente alla mancata circolazione di circa 700 veicoli nel territorio provinciale”, ha continuato Daniele Bellotto, direttore Area Nord Ovest di ENGIE Italia. “Inoltre, diversi saranno gli interventi in ottica ‘smart city’, come l’installazione di unità Wi-Fi, videocamere e centraline meteo, accompagnati da un servizio al cittadino H24 e 7 giorni su 7 per la raccolta delle segnalazioni”.

Un progetto esempio virtuoso di partenariato pubblico-privato (sono stati ottenuti anche due finanziamenti dalla Fondazione Cariplo) che consentirà anche nei territori dei piccoli comuni l’avvio di azioni di significativo impatto di sviluppo ambientale, arrivando a ottenere importanti risparmi energetici (circa il 70% del consumo attuale), con la riduzione degli attuali canoni e delle emissioni della CO2 nei territori interessati.

Precedente Internet of Light: illuminati e connessi
Prossimo LUCE SULLE IDEE E PROGETTI PER LA MILANO SOTTERRANEA