LA CITTÀ CHE VERRÀ


La città che verrà

UN IMPORTANTE CONVEGNO A ROMA

Mercoledì, 14 novembre 2018, presso la Casa dell’Architettura in piazza Manfredo Fanti 47, il convegno Luce e IoT per la città che verrà, organizzato dall’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori di Roma e Provincia, patrocinato da AIDI,  con  il coordinamento scientifico di Marco Frascarolo, lighting designer e direttore del Laboratorio Interdisciplinare di Fisica Tecnica e Tecnologia, Dip. Architettura Università Roma Tre, e di Alessio Santucci, tutor.

A cura di Frascarolo, alle ore 15.00, col presidente degli Ordine architetti P.P.C. di Roma Flavio Mangione,  la presentazione e l’introduzione dell’interessante  appuntamento sulla luce nell’era digitale all’interno degli edifici e negli spazi urbani. Molti saranno gli interventi in rappresentanza delle istituzione della Capitale, assieme a diverse voci provenienti da ambiti disciplinari ed esperienze differenti che si confronteranno per prefigurare le nostre città, qui in particolare la città di Roma, e il loro futuro prossimo.

Spiega Marco Frascarolo: “progettare nell’era del Digital Lighting significa pensare alla luce come a un nodo di un sistema più ampio e complesso, finalizzato a migliorare la qualità della vita della comunità, nel rispetto dei valori di sostenibilità ambientale, economica e sociale”.

Tra i relatori per il Comune di Roma,  l’assessore all’Urbanistica Luca Montuori, l’assessore con delega in materia Smart City Flavia Marzano e il  vice direttore generale Area servizi al territorio Roberto Botta. Presente la Soprintendenza speciale archeologia, belle arti e paesaggio della città con il direttore Francesco Prosperetti. Il mondo della università e della ricerca con Corrado Terzi, che qui ricordiamo non solo come autorevole lighting designer e socio AIDI,  ma con altrettanto piacere e merito come fondatore del Master in Lighting Design La Sapienza di Roma.

Altri i protagonisti della giornata che ben rappresentano il mondo della Cultura della luce italiana, tra cui la storica associazione AIDI (che nel 2019 festeggerà il suo 60° anniversario), che sarà rappresentata dal presidente  nazionale – e responsabile di Iren EnergiaGian Paolo Roscio, tra gli artefici del Piano della Luce per la Città di Torino. Città di cui ricordiamo con piacere, all’approssimarsi delle festività natalizie, la manifestazione Luci d’Artista, un unicum per l’arte e la light art italiana con protagonisti artisti di fama internazionale. Città che, con il Castello di Rivoli e Artissima, di fatto è stata inserita tra le grandi capitali del Grand tour del collezionismo dell’arte contemporanea mondiale.

La voce del mondo lighting design si esprimerà con le relazioni di Margherita Suss, milanese, studio GMS,  e Alessandro Grassia, Studio Astrapto e neo presidente della Sezione AIDI Lazio e Molise.

Alle ore 18.00, Marco Frascarolo presenterà il progetto Diademe, Illuminazione adattiva che contempla soluzioni di sicurezza sulle strade e di risparmio energetico.

Chiuderà il convegno, cui seguirà dibattito, l’intervento alle ore  18.30 di Diego Labonia, direttore artistico di RGB Light Experience, tra i primi Festival di Light Art d’Italia, con cui nel 2017 abbiamo visto, lungo il percorso di quattro chilometri tra piazze e cortili del V Municipio di Roma, dal Pigneto a Tor Pignattara, oltre trenta installazioni di urban light di artisti italiani e internazionali.

Anche quest’anno, a Roma dal 7 al 9 Dicembre.

 

La partecipazione prevede 4 CFU per gli Architetti.

Programma completa e iscrizione su: http://ordine.architettiroma.it/formazione/

Precedente 13 novembre, open lecture con Marco Brianza
Prossimo LA LUCE DELL’INNOVAZIONE SENZA SALTI NEL BUIO