LIGHTING THE CAMP


The Camp

NELLA CITTÀ DI CEZANNE

Ad Aix-en-Provence, nel sud della Francia, città natale di Paul Cezanne (1839) e chiamata la “Città delle mille fontane”, da circa un anno si è insediato The Camp, fondato da Frédéric Chevalierè e disegnato da Corinne Vezzoni & Associés, con il progetto di lighting design curato da 8’18’’ Concepteurs Lumière. L’azienda italiana L&L Luce&Light, socio AIDI, è stata scelta per l’illuminazione del nuovo complesso europeo dedicato all’innovazione. Questo tecnopolo, nato per essere un nuovo modello di incubatore per start up, è anche un centro di ricerca e sperimentazione sull”innovazione dedicato alle nuove tecnologie e alle nascenti Smart City.

Il design si è ispirato ai “campi base” da cui gli “esploratori” partono per “esplorare un futuro umano e sostenibile”. Lo studio 8’18’’ Concepteurs Lumière, filiale di Marsiglia, ha deciso di utilizzare per questo progetto cinque prodotti da esterno di Luce&Light: i profili lineari Neva 1.0, i proiettori Siri 3.0 e Pivot, i segnapasso Lira 1.0 e i paletti Plin 2.1. I prodotti sono stati scelti per il loro design essenziale e le ottiche architetturali.

The Camp

Collocato nel contesto naturalistico della Provenza, The Camp è un complesso architettonico e paesaggistico con un design rigoroso, che nasce con l’idea di inserirsi in modo armonioso nell’ambiente naturale. “Abbiamo scelto di dare rilievo alla grande ‘Tenda’, una tensostruttura in tessuto bianco, rispetto ad altri elementi architetturali. Questa è stata illuminata con lo scopo di ottenere luce indiretta ed esaltare la matericità della stessa tensostruttura”, così Agnès Charvet, lighting designer di 8’18’’. “Ciascuno degli edifici che compone The Camp è realizzato nella parte superiore da una ‘bolla’ in tessuto, ed è proprio in questi elementi che opera la luce”. Un intervento illuminotecnico essenziale: la luce si concentra sui dettagli e i materiali, non vi sono wall-washer per le facciate, ma solo pochi punti ben definiti.

Sotto i suoi 10.000 mq di superficie coperta si trovano uffici, laboratori, un anfiteatro, un ristorante e un bar, strutture sportive e persino spazi per la meditazione e giardini sperimentali. Il corpo principale del complesso è costituito da una grande tensostruttura bianca di 7.500 mq ispirata alle tende dei nomadi.

The Camp

Questa copertura accoglie tredici elementi realizzati in vetro curvato e cemento, dei cluster tematici destinati all’incubazione di start-up. Il grande edificio triangolare è circondato da parco attentamente studiato e illuminato, le grandi vasche d’acqua sono attraversate da percorsi in legno che conducono verso gli edifici delle residenze e degli uffici. Le costruzioni rivestite in legno di cedro, ingrigite dagli elementi naturali, si integrano perfettamente nel paesaggio circostante fino a dissolversi durante la notte lasciando emergere solo i punti luminosi che le identificano.

Precedente XXV PREMIO COMPASSO D'ORO ADI 2018
Prossimo JERUSALEM LIGHT FESTIVAL 2018