GIAN PAOLO ROSCIO ELETTO PRESIDENTE AIDI


AIDI

Nell’Assemblea dei soci AIDI (Associazione Italiana di Illuminazione), che si è svolta nei giorni scorsi a Milano, Gian Paolo Roscio, responsabile dei Servizi a Rete di IREN Energia SpA, è stato eletto alla presidenza per il triennio 2018-2020.
Succede alla presidenza all’architetto Margherita Suss.

Fondata nel 1959 a Milano, AIDI è una storica associazione scientifica, tecnica e culturale – di cui ricorre l’anno prossimo il 60esimo anniversario – fondata da pionieri del mondo dell’impresa e della ricerca della luce italiana, ma con visione e obiettivi nazionali e internazionali. La sua finalità di promuovere la conoscenza dei problemi legati ai temi dell’illuminazione, in particolare quella pubblica negli anni della ricostruzione e dello sviluppo urbano e sociale delle nostre città, l’ha portata negli anni ad assumere sempre più il ruolo di rappresentare la cultura della luce di qualità, dando così ulteriore impulso a uno dei comparti produttivi protagonisti della rinascita e della industrializzazione del nostro Paese.

Gian Paolo Roscio, 57 anni, torinese, sposato, due figli, è manager del Gruppo Iren dal 1982, in cui ricopre diversi incarichi nell’ambito della gestione della Rete di distribuzione dell’energia elettrica di Torino. Membro della Commissione Produttività e Qualità di Federelettrica. Dal 2003 si occupa dei servizi per il Comune di Torino e altre Pubbliche Amministrazioni. È stato amministratore delegato della Società Sasternet e membro dei consigli di amministrazione di AEM Net e AEM Torino Distribuzione.
Per il Gruppo Iren ha partecipato all’organizzazione delle Olimpiadi del 2006 e in campo internazionale si è occupato, attraverso la Regione Piemonte, dell’attività di cooperazione con il cantone di Zenica della Bosnia Erzegovina per la ripresa post-bellica e del coordinamento tecnico della Missione Arcobaleno in Albania durante la crisi del Kossovo.
Dal 2003 è membro del Consiglio direttivo di AIDI e dal 2009 del Comitato esecutivo.

Nel nuovo consiglio, nomi molto rappresentativi del mondo dell’impresa, utility, dell’associazionismo e delle professioni, come i confermati consiglieri Dante Cariboni (Cariboni Group), Roberto Barbieri (Osram), Aldo Bigatti (Gewiss), Paolo Di Lecce (Reverberi Enetec), Clotilde Binfa (Performance In Lighting) e Raffaele Bonardi (Citelum). Di nuova nomina Massimiliano Guzzini (iGuzzini Illuminazione e presidente di ASSIL), Luca Pellizzari (A2a Illuminazione Pubblica), Michele Bassi (Neri), Ubaldo Schiavi (Cogei), Alessandro Visentin (City Green Light). Entrano per la prima volta i neo consiglieri e autorevoli docenti Laura Bellia (Università Federico II di Napoli) e Anna Pellegrino (Politecnico di Torino). Del mondo associativo imprenditoriale riconfermato Andrea Solzi (ASSIL). Tra i lighting designer confermati Gianni Drisaldi, Lorella Primavera, Margherita Suss (Studio Gms). Di nuova nomina Alessandra Reggiani, precedentemente presidente Sezione AIDI Lazio e Molise. Del modo professionale la riconferma dei consiglieri Alberto Scalchi e Alessia Usuelli.

In una splendida giornata di sole, nell’accogliente sede di AIDI in via Monte Rosa, a margine dell’assemblea ormai conclusa, il neo presidente Gian Paolo Roscio, cortesemente, ha così commentato la sua nomina: “Un impegno importante che svolgerò con grande entusiasmo e con la visione di chi crede in un’associazione sempre più forte della sua identità culturale, e come erogatore di servizi, contenuti e opportunità per tutto il comparto della luce, e luogo ideale dove realizzare un confronto proficuo tra le diverse categorie del complesso e composito sistema luce: dalle aziende, alle utility, alle EsCo, ai professionisti, dalle università ai docenti”. Una dichiarazione dalla quale si possono intravedere obiettivi su linee interne ed esterne indirizzati alla crescita dell’azione culturale, incrementando il sistema di relazioni tra gli associati. Una più ampia apertura a nuove categorie produttivi e associative, un maggior sviluppo all’interdisciplinarietà per arricchire il dibattito culturale intorno a nuove e innovative tematiche come human centric lighting, Smart City, IoT. Un maggiore accrescimento di scambi e di esperienze con realtà culturali, centri di ricerca, associazioni ed enti nazionali e internazionali. Una più forte collaborazione con il mondo dell’università, dei docenti, di cui AIDI può vantare tra i suoi associati nomi di rilievo accademico nazionale e internazionale. Particolare attenzione e rinnovato dialogo con il mondo dei lighting designer, del loro rilevante ruolo nella filiera del comparto. I giovani, la formazione, la comunicazione e tanto altro, che sarà senz’altro frutto di un dialogo, confronto e condivisione all’interno di quest’associazione orgogliosa della sua storia, consapevole dei suoi compiti e del suo ruolo nel mondo del Sistema luce e nel Paese.

Al neo presidente di AIDI, Gian Paolo Roscio, i migliori auguri di buon lavoro dalla redazione e dal direttore di LUCE.
A Margherita Suss, che lascia la presidenza dell’associazione dopo un triennio, un cordialissimo saluto e ringraziamento per il lavoro svolto anche nella veste di editore di LUCE.

Precedente MEDURI NUOVO DIRETTORE RAPPORTI ISTITUZIONALI A2A E UNA MOSTRA ALLA FONDAZIONE AEM
Prossimo IL PREMIO COMPASSO D’ORO ADI 2018