LA LUCE PER L’ARTE


Festival della Luce

Nell’ambito della V edizione del Festival della Luce di Como, organizzato dalla  Fondazione Alessandro Volta e promosso e sostenuto dall’Associazione Città della Luce, Francesco Murano, lighting designer impegnato nelle più importanti mostre in Italia e all’Estero, tratta del rapporto esistente tra le opere d’arte e la luce svelando come illuminare un disegno di Leonardo, un dipinto di Warhol o il teschio di Damien Hirst.Con la partecipazione di Chiara Rostagno, direttore Museo del Cenacolo Vinciano.

Giovedì 10 Maggio 2018, ore 18:00

Pinacoteca civica
via Diaz 84, Como

Ogni anno in Italia si realizzano innumerevoli mostre frequentate da milioni di visitatori desiderosi di ammirare opere d’arte illuminate dalla luce naturale o da quella artificiale.  La luce artificiale ha il compito fondamentale di rendere godibili le opere esposte, ma all’interno degli ambienti svolge molte altre funzioni e viene impiegata anche per rischiarare gli spazi, per delineare i percorsi, per consentire la lettura delle didascalie e delle grafiche.

Illuminare bene un’opera d’arte presuppone conoscenze tecniche articolate e specifiche che si maturano in anni di esperienza e che non possono essere apprese con la semplice lettura dei comuni testi di illuminotecnica. Imparare ad illuminare le opere è quindi il frutto di una esperienza lunga e personale e le indicazioni e i suggerimenti che vengono indicati possono aiutare chi ama l’arte a godere di una corretta e piacevole visione sia delle opere che degli stessi spazi espositivi.

In collaborazione con Ordine degli Architetti PPC di Como, che interverrà per i saluti istituzionali.

Partecipazione gratuita

Precedente WATER LIGHT FESTIVAL
Prossimo JACOPO FOGGINI: ARTE, DESIGN E UNICITÀ