CONNESSIONE DATI A BANDA LARGA CON LA LUCE


Philips Lighting presenta Light Fidelity (LiFi), una tecnologia wireless ad alta velocità, a doppio percorso, simile al WiFi, che utilizza onde luminose invece di onde radio per trasmettere dati. Grazie alla stretta connessione tra illuminazione e l’Internet of Things, è la prima azienda d’illuminazione al mondo ad abilitare al LiFi gli apparecchi d’illuminazione del suo portfolio.
Ha dichiarato Olivia Qiu, Chief Innovation Officer di Philips Lighting: “Il LiFi possiede un enorme potenziale per l’epoca digitale attuale. Mentre le onde radio sono sempre più sovraccariche, lo spettro luminoso è una risorsa ancora poco sfruttata, con un’ampiezza di banda che consente una connessione stabile e simultanea di una vasta gamma di dispositivi IoT. Come azienda garantiamo che i nostri clienti possano trarre vantaggio da una illuminazione di qualità elevata ad alta efficienza energetica e di una connessione di ultima generazione”.

Come funziona il LiFi? Ogni apparecchio di illuminazione è dotato di un modem integrato che modula la luce a velocità impercettibili per l’occhio umano. La luce è rilevata da una chiavetta USB LiFi o un dongle inseriti nella presa di un computer o tablet (in futuro questa tecnologia sarà incorporata nei computer e negli altri dispositivi). La chiavetta USB LiFi restituisce i dati all’apparecchio di illuminazione tramite un collegamento a infrarossi. Si ottiene il doppio vantaggio di un’illuminazione LED di qualità ed efficiente dal punto di vista energetico e una connessione sicura e stabile, poiché lo spettro della connessione LiFi è 10.000 volte superiore a quello del WiFi.

Gli apparecchi di illuminazione cosi dotati forniscono una connessione a banda larga con una velocità di 30 Mb al secondo (Mb/s). A questa velocità è possibile trasmettere diversi video in alta qualità e contemporaneamente effettuare video chiamate. Vuol dire che quando un utente si sposta da un punto a un altro di un grande ufficio mantiene la propria connessione; così un punto luce si spegne e un altro si accende seguendone il passaggio, con una copertura che è la più ampia sul mercato.

Altri vantaggi del LiFi rispetto al WiFi: può essere utilizzato in luoghi in cui le onde radio possono interferire con altre apparecchiature, come negli ospedali, o dove i segnali WiFi non possono arrivare o sono deboli, come la metropolitana. Altre possibilità d’impiego riguardano ambienti che richiedono un’elevata sicurezza, come il back office di un istituto finanziario o di un servizio governativo. Garantisce, infatti, un ulteriore livello di sicurezza perché la luce non può attraversare solidi come le pareti ed è sempre necessaria un’esposizione diretta alla luce per poter accedere al network.