IREN: RISULTATI ECONOMICI IN CRESCITA NEL 2017


Iren

“Quelli presentati oggi sono i migliori risultati di sempre nella storia di Iren”; questo è il commento del presidente Paolo Peveraro ai risultati del bilancio 2017 approvati dal CdA della multiutility.

Iren chiude il 2017 con risultati economici in crescita, una riduzione dell’indebitamento finanziario e una proposta di dividendo in incremento del 12% a 0,07 euro per azione, confermando la capacità del Gruppo di trasformare efficienza e sviluppo in vantaggi tangibili per i propri azionisti e per i territori di riferimento.

“Il 2017 – ha dichiarato Peveraro – è stato contrassegnato non solo da un aumento significativo di utili e dividendi, ma anche da una notevole crescita negli investimenti (+32% a 357,3 milioni di euro), quasi interamente destinati allo sviluppo sui territori, generando per gli stessi una rilevante ricaduta in termini socio economici”. La crescita del 12% del dividendo di Iren segue l’incremento del 14% conseguito nel 2016 e la previsione di crescita annua del 10% fino al 2022.
Il Gruppo ha chiuso il 2017 con ricavi a 3,7 miliardi di euro, in crescita del 12,6% rispetto al 2016, un Ebitda a 820,2 milioni di euro (+0,7% rispetto a 814.2 del 2016) e un utile pari a 237,7 milioni di euro (179,8 milioni di euro al 31/12/2016), in incremento del 32,2%.

Performance, ha dichiarato l’amministratore delegato Massimiliano Bianco, “che dimostrano la capacità del Gruppo di sapersi adattare con rapidità ed efficacia ai profondi cambiamenti che hanno connotato e connoteranno il mondo delle utility e quello dell’energia”. Ha poi aggiunto: “Particolarmente importante è il raggiungimento anticipato dell’area di flessibilità finanziaria individuata nel rapporto debito netto/EBITDA inferiore a 3x, e la costante diminuzione del debito (-85 milioni rispetto al dato registrato a fine 2016) dovuto alla robusta generazione di cassa che ha consentito di coprire investimenti e dividendi in costante crescita”.

I buoni risultati ottenuti costituiscono la solida base della strategia del Gruppo che è stata ulteriormente sviluppata nel piano industriale presentato alla comunità finanziaria a novembre del 2017, introducendo il concetto della “circular vision”, cioè uno sguardo strategico a 360° che pone al centro il Cliente/Cittadino attraverso un’azione sostenuta da efficienza, sviluppo, sostenibilità e cura delle risorse interne.
Con il Bilancio economico, il C.d.A. di Iren ha approvato anche il Bilancio di Sostenibilità 2017, che assume da quest’anno valore di Dichiarazione non finanziaria consolidata ai sensi del D. Lgs. 254/2016, strumento di monitoraggio degli obiettivi del Piano Industriale al 2022 del Gruppo (rendiconta le performance economiche, ambientali e sociali).

Notevole l’impegno in ambito ambientale, con oltre 232 milioni di euro di investimenti, 2,8 milioni di tonnellate di emissioni di CO2 evitate e una produzione energetica da fonti eco-compatibili pari all’86% della produzione totale, contro una media nazionale del 37,3%. 

Particolare attenzione all’ambito sociale: il 98% dei dipendenti assunto con contratto a tempo indeterminato e l’88% coinvolto in attività di formazione e addestramento; 152 assunzioni nel 2017 (oltre 100 sotto i 31 anni). Il 95,6% dei clienti energetici soddisfatti. Non ultimo il costante sostegno alle comunità locali con circa 90.300 studenti coinvolti nelle scuole di Liguria, Piemonte ed Emilia Romagna in attività di educazione ambientale, e con 49% dei fornitori localizzati sul territorio.

 

 

Precedente TRIENNALE DI MILANO: DOPO 16 ANNI LASCIA ANDREA CANCELLATO
Prossimo MATERIALI E NUOVE IDEE PER LA SMART CITY