La Corte Bertesina a Vicenza di traverso-vighy architetti

Abbiamo incontrato Paola Vighy e Giovanni Traverso presso il loro studio, fondato nel 1996 a Vicenza, “la città del Palladio“, e con loro abbiamo parlato del periodo vissuto a Londra presso la Bartlett School of Architecture dello University College of London, durante la frequentazione del Master of Science in Architecture “Light and Lighting”. Da allora, e dagli anni allo IUAV di Venezia con Arrigo Rudi e Marino Vio, la luce, così come l’architettura, significa per loro progetti sostenibili e sperimentali, accurata attenzione per il territorio, sapiente uso delle tecnologie, collaborazione con la produzione industriale e artigianale locale, alla ricerca di un impegnativo e raffinato equilibrio tra economia di risorse e sapienza tradizionale.
Parliamo anche del loro ultimo progetto, la Corte Bertesina, nel loro territorio: un’area di 2258 mq e un volume di 6960 mc in cui si intrecciano, con elegante lievità, importanti valori ambientali, sociali e agricoli.
Obiettivo del progetto, ci spiegano, è stato quello di rigenerare e completare il nucleo edilizio esistente per sviluppare nuove relazioni funzionali, quali attività culturali e didattiche per la valorizzazione del paesaggio boschivo, attività di fattoria sociale tramite il coinvolgimento di giovani con sindrome di Down e la collaborazione con cooperative sociali locali, attività di trasformazione e vendita dei prodotti agricoli, residenze e attività di ospitalità agrituristica. Altro obiettivo, forse più culturale o “umanistico” che architettonico, è stato anche quello “di inserirsi nel modo più leggero possibile nel contesto naturale e di assorbire da esso tutte le potenzialità visive ed energetiche legate al benessere dei futuri utenti”.

 

Leggi l’articolo completo su LUCE digitale

Precedente L’IDENTITÀ SI METTE IN LUCE
Prossimo Le Smart City sono tra noi