PREMIO LEONARDO 2017 AD ADOLFO GUZZINI


Premio Leonardo

Sono stati consegnati a Roma, a Palazzo Barberini, i Premi Leonardo 2017, riconoscimenti alla qualità e al valore delle aziende italiane conferiti ogni anno dal Comitato Leonardo. Presenti alla cerimonia il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, la presidente del Comitato Luisa Todini, il sottosegretario al ministero dello Sviluppo Economico Ivan Scalfarotto, il presidente dall’Agenzia ICE Michele Scannavini e il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia.
Il Premio Leonardo 2017, riservato a un personaggio che si sia particolarmente distinto nel promuovere l’immagine dell’Italia nel mondo, è stato conferito quest’anno ad Adolfo Guzzini, presidente di iGuzzini Illuminazione, “l’uomo della luce come strumento di innovazione sociale, che grazie alla luce ha reso possibili operazioni di restauro percettivo su capolavori come l’Ultima Cena di Leonardo da Vinci e che per primo ha sensibilizzato l’opinione pubblica sul fenomeno dell’inquinamento luminoso. Con iGuzzini, oggi porta la creatività, l’innovazione e il made in Italy in ogni parte del mondo”.
L’iniziativa, promossa dal Comitato Leonardo, nasce dall’idea comune di Gianni Agnelli e Sergio Pininfarina, di Confindustria e Agenzia ICE, con l’obiettivo di diffondere e rafforzare l’immagine di eccellenza dell’Italia nel mondo. Ha detto la presidente Luisa Todini, dando avvio alla cerimonia: “I Premi Leonardo, a cui si è aggiunto da pochi anni il Premio Start Up, rappresentano sin dal 1995 il riconoscimento del saper fare italiano, della qualità e unicità dei nostri prodotti, la celebrazione di storie di creatività di veri ambasciatori del Made in Italy nel mondo”.

Vincenzo Boccia, presidente di Confindustria, sempre molto diretto e chiaro, nel suo intervento ha detto: “Quando entrano in gioco equilibrio, bellezza e innovazione entra in gioco l’Italia. E il Premio Leonardo è il simbolo di quello che siamo. Dell’Italia che si afferma sui mercati internazionali, che stupisce ed è ammirata. In qualche caso imitata. Questo Premio è anche l’occasione per fare un racconto diverso del nostro Paese, che gode all’estero di una reputazione molto superiore a quella riconosciuta in casa propria. Ed è uno stimolo importante perché l’Italia impari a fare i conti con le sue potenzialità”. E dopo aver sottolineato l’impegno e la passione degli industriali (“amiamo il nostro Paese”), ha indicato in modo netto quelli che dovranno essere (o dovrebbero essere, per tutti, alla vigilia del voto del 4 marzo, N.d.R.) i tre punti fondamentali per costruire un grande futuro: “Più lavoro, più crescita, meno debito”.

Ricevendo il prestigioso Premio Leonardo 2017, Adolfo Guzzini, presidente di iGuzzini Illuminazione, ha commentato: “Sono onorato e orgoglioso di aver ottenuto questo prestigioso riconoscimento, che premia la capacità di tutta la nostra azienda di perseguire una strategia volta all’eccellenza e che funge da stimolo ed esempio verso i giovani talenti e verso il territorio […] In un percorso di continua innovazione e promozione del Made in Italy intendiamo contribuire a far crescere il Paese e ad aumentarne l’attrattività nei contesti internazionali”.

Come ogni anno, da 20 anni, la cerimonia è stata anche l’occasione per consegnare 11 Premi di Laurea, finanziati da imprenditori soci del Comitato Leonardo, alle migliori tesi sull’eccellenza, valorizzazione e internazionalizzazione delle imprese italiane.
Segnaliamo che nel 2017 le aziende del Comitato Leonardo hanno raggiunto un fatturato complessivo di oltre 321 miliardi di euro, circa il 19% del nostro PIL, con una quota export media che supera il 51%.

L’assegnazione al presidente Adolfo Guzzini del Premio Leonardo 2017 segue di poche settimane, e per il secondo anno consecutivo, un altro importante riconoscimento ottenuto dall’azienda di Recanati: la certificazione di Top Employers – Italia, conferito ogni anno dal Top Employers Institute alle migliori aziende nella gestione delle persone. La certificazione è riconosciuta a livello internazionale dal 1991; l’istituto seleziona, esamina, valuta e certifica le eccellenze delle condizioni di lavoro e politiche HR attuate dalle aziende, attraverso un processo di ricerca annuale basato sull’analisi di dati e documenti. I risultati sono poi sottoposti ad audit esterna che valuta il raggiungimento degli standard richiesti. La certificazione analizza oltre 600 best practice all’interno di 9 macro aree.

Il presidente e l’uomo Adolfo Guzzini

Figlio di Mariano Guzzini, nel 1964 inizia a dirigere l’azienda fondata a Recanati quattro anni prima dai fratelli. Si adopera per la diffusione di una nuova cultura della luce e imposta un’organizzazione internazionale che ottiene grandi riconoscimenti e premi, tra i quali il Compasso d’Oro. Cofondatore e presidente di AIFAI (poi Assoluce) e del Gruppo Arredo Urbano di Federlegno Arredo, ricopre incarichi in Confindustria, in ADI, AIDI, INARCH, COSMIT e nell’Istituto Adriano Olivetti. Negli anni ‘80 attiva collaborazioni con istituti di ricerca e università italiane e internazionali. Nel 1998 promuove la costituzione dell’Archivio storico del Gruppo Guzzini, riconosciuto Bene di interesse nazionale. Cavaliere del Lavoro e Laurea Honoris Causa in Economia Internazionale, è stato presidente del Consiglio Nazionale del Design dal 2009 al 2011. Attualmente, oltre alla presidenza di iGuzzini e Fimag, è presidente INARCH, presidente onorario ISTAO, consigliere AIDI.

L’azienda iGuzzini Illuminazione

Gruppo internazionale nel settore dell’illuminazione architetturale, sede a Recanati (MC), attività operative in oltre 20 paesi distribuiti in 5 continenti, 1.500 dipendenti. I ricavi consolidati nel 2016 sono stati pari a € 231,5 milioni, con una crescita del 26% negli ultimi 4 anni.

Precedente POMPEI, CITTÀ DA GUARDARE SOTTO DIVERSE LUCI
Prossimo I luoghi del pensiero di Maurizio Nannucci