LIGHT TALK DI APIL A MILANO


Light Talk

Un curioso e invitante titolo (non il primo nelle loro comunicazioni!) per il Light Talk di APIL a Milano, martedì 5 dicembre, dalle ore 17.30, nella loro sede in Foro Bonaparte 65, in Sala Armellini, a un mese dalla conclusione del PLCD a Parigi.
Eccolo: “Come diventare ricchi (dentro) con il lighting design: Spunti, idee e riflessioni di ritorno dal PLDC di Parigi”.

Andiamo con ordine. La conferenza del Professional Lighting Design conta un pubblico sempre più numeroso, fatto di professionisti dell’illuminazione, architetti e aziende. Quest’anno a Parigi, presso il Palais des Congrès, quasi duemila partecipanti di oltre settanta nazioni si sono impegnati, anche con costi elevati, per partecipare a un convegno atteso e tra i prediletti. A proposito di costi: si paga di tasca propria, un professionista spende circa 1.200 euro, mentre se si va come relatori la spesa scende a circa 300 euro. Le aziende spendono una cifra che parte da circa 8.000 euro fino a somme molto più consistenti, suddivise tra sponsor silver, gold e platinum.

Un appuntamento per incontrarsi da tutto il mondo per cinque intensi giorni, tra seminari, convegni e workshop, ma anche eventi conviviali, cene, visite guidate nella città e premi, in un clima di amicizia e solidarietà professionali.
La conferenza, che si è svolta per la prima volta a Londra nel 2007, a Parigi, nel mese di novembre ha festeggiato il suo decimo anniversario. Le precedenti conferenze sono state nel 2009 a Berlino, 2011 a Madrid, 2013 a Copenaghen e nel 2015 in Italia, a Roma.
Con un’adesione complessiva di circa 6500 partecipanti.

APIL, nel Light Talk introdotto dalla presidente Susanna Antico – luminosa e garbata lighting designer riconfermata alla presidenza lo scorso luglio per il triennio 2017-2019, con Bianca Tresoldi, Paola Urbano, Silvia Perego, Andrea Ingrosso, Giacomo Rossi e Paolino Batani –, darà spazio e parola a professionisti e aziende che hanno partecipato alla conferenza PLDC da poco conclusa in Francia. Pensiamo che, proprio dal titolo dato al Light Talk, gli argomenti, il dibattito e il confronto non dovrebbero mancare, sia sul piano dell’interesse critico che su quello propositivo di nuove idee, con uno sguardo rivolto anche al nostro paese, soprattutto per il mondo della luce italiana composto appunto da tanti LD professionisti – tra cui quelli del teatro, del cinema o dello spettacolo –, università, docenti, studenti, associazioni, aziende, media.
Agli ospiti, inoltre, al termine del Light Talk, l’occasione di conoscere le linee guida del Manifesto per la professione dell’associazione francese ACE, Association des Concepteurs lumière et Eclairagistes.

Un appuntamento in cui è bello esserci all’approssimarsi delle festività!
Seguirà, infatti, un brindisi di auguri offerto da UL International Italia.

La partecipazione è gratuita ma i posti sono limitati. Per iscriversi è necessario inviare una mail indicando nome cognome e professione a: apil@federlegnoarredo.it

Precedente IL FESTIVAL DELLA LUCE DI PRAGA
Prossimo L'illuminazione delle opere nelle mostre d’arte