I VINCITORI DEI VENETIAN SMART LIGHTING AWARD


VENETIAN SMART LIGHTING AWARD
La giuria, da sinistra a destra: Bianca Tresoldi, Patrizia Gallegari (in rappresentanza di Marco Palandella), Elena Pedrotti, Pietro Fiorentin, Alfonso Mayer

Il 20 luglio 2017 si è concluso il premio annuale lanciato dalla Rete di Imprese Luce in Veneto Venetian Smart Lighting Award, giunto alla sua seconda edizione.

In occasione della cena di gala presso la Villa Cà Marcello di Piombino Dese, la giuria – Alfonso Mayer, Presidente della Consulta delle Professioni Tecniche della Provincia di Trento e della Federazione Ordine degli Architetti del Veneto; Elena Pedrotti, lighting designer; Marco Palandella, lighting designer; Bianca Tresoldi, lighting designer; Pietro Fiorentin, Dipartimento di Ingegneria Industriale dell’Università di Padova – ha premiato le soluzioni proposte non solo negli aspetti estetici ma anche per la loro funzionalità come apparecchi di illuminazione a 360°. Le aziende hanno partecipato con entusiasmo all’iniziativa inviando complessivamente oltre 75 candidature.

 

I prodotti vincitori sono:

  • HABIB della Classic Light (Voltolina) nella categoria “Miglior prodotto decorativo in stile classico”
  • SACCO di Ama Luce Illuminazione nella categoria “Miglior prodotto decorativo in stile moderno”
  • LEYKOS di Hikari Srl per la categoria “Miglior lampada per uso speciale”
  • DLX1224-3CV-CASAMBI della Dalcnet Srl per la categoria “Miglior prodotto smart home/domotico”
  • DIPHY di Linea Light Group per la categoria “Special prize: miglior prodotto innovativo”

 

L’iniziativa è stata patrocinata da APIL (Associazione Professionisti dell’Illuminazione), AIDI (Associazione Italiana Design Industriale) e F.O.A.V. (Federazione Ordine degli Architetti del Veneto). Media partner: Italian Lighting e Retebottega. Il concorso si è realizzato grazie al supporto degli sponsor: 3M Italia, p.f.r, Bim Object e CoeFi (Compagnia Europea Factoring Industriale).

 

 

Precedente UN MINI LOFT TRA GLI ALBERI
Prossimo Grafismi luminosi alla Tate Britain di Londra