FLOS VINCE IL SALONE DEL MOBILE.MILANO AWARD 2017


Con il premio per il Miglior Allestimento per lo stand presentato allo scorso Euroluce, Flos è tra gli undici vincitori del Salone del Mobile.Milano Award 2017.
Il premio, giunto alla sua seconda edizione, ha voluto dare ulteriore rilievo alle eccellenze del settore già protagoniste della 56° edizione dello scorso aprile.

Flos
courtesy Salone del Mobile.Milano

L’allestimento dello stand Flos – stand design di Calvi Brambilla, supporting lighting design di Metis Lighting, Smart Control on Stage di Barbara Balestreri Lighting Design – ha condotto i visitatori, e noi tra loro, in un viaggio immersivo di grande eleganza nell’universo della luce, attraverso le nuove collezioni del brand italiano. Un’architettura imponente ma dinamica, fatta da maestose quinte dagli impeccabili toni di grigio pastello e scorci visivi. Un percorso espositivo che, snodandosi tra una serie di patii verdi, cornice per la collezione outdoor, ha presentato, sala dopo sala, le interessanti novità di designer di fama internazionale, quali Michael Anastassiades, Ronan & Erwan Bouroullec, Konstantin Grcic, Piero Lissoni, Barber & Osgerby, Philippe Starck, Vincent Van Duysen, e le due nuove collaborazioni esclusive con Formafantasma e Nendo.

La premiazione, presentata da Cristina Parodi, si è svolta presso lo storico Triennale Teatro dell’Arte. Sul palco Piero Gandini, CEO di Flos, e gli autori del progetto, gli architetti Fabio Calvi e Paolo Brambilla, che hanno accolto con emozione il prestigioso riconoscimento, consegnato dalla grande scenografa Margherita Palli. Importanti le motivazioni: “Per un allestimento che va oltre la canonica nozione di stand fieristico, per la capacità di condurre il visitatore fra i corpi illuminanti come in una narrazione, dal fuori al dentro, dove luci, colori, materiali, pieni e vuoti si orchestrano magistralmente”.

Segnaliamo ai non abituali lettori di LUCE, sul n. 319 (marzo 2017), l’intervista a Piero Gandini, CEO di Flos, a cura di Andrea Calatroni e quella ai fratelli Bouroullec a cura di Stephanie Carminati. Cogliamo, inoltre, l’occasione per anticipare che sul numero in uscita (n. 320, giugno 2017), LUCE parlerà proprio con il duo Calvi Brambilla e Barbara Balestreri.

Precedente UNA LINEA LUMINOSA LUNGA 150 METRI
Prossimo Per illuminare non servono fili