INSPIRED IN BARCELONA: IN & OUT


FollowMe by Inma Bermúdez (Marset)

Fra le molte iniziative ed eventi che animeranno la prossima Milano Design Week 2017, durante la settimana del Salone del Mobile, segnaliamo con piacere la mostra “Inspired in Barcelona: in & out” a Palazzo Isimbardi.

L’esposizione metterà in luce la vocazione creativa e la qualità del design di Barcellona, con un allestimento progettato dal team di architetti Emiliana Design Studio e le creazioni di Patricia Urquiola, Eugeni Quitllet, Jaime Hayon, Miguel Milà, Lievore Altherr Molina, insieme ai brand Vibia, Santa & Cole, Bover Barcelona Lights, Estiluz, Jordi Canudas e altri, a rappresentanza del design catalano al Fuorisalone milanese.

Garota P 01 by Alex Fernández Camps & Gonzalo Milà (Bover Barcelona Lights)

Mostra organizzata da Catalonia Trade & Investment e BCD – Barcelona Centro de Diseño e ospitata negli spazi esterni della sede della Città metropolitana di Milano, in corso Monforte 35, dove sarà ricreata l’atmosfera tipica di Barcellona, città sensibile, creativa, accogliente verso i giovani di ogni parte d’Europa e meta di turismo da ogni parte del mondo. Famosa per la qualità della sua architettura contemporanea – da Jean Nouvel con la sua Torre Agbar, a R.Meier, Calatrava, Chipperfield, Arata Isozaki, J. Ll. Mateo, Oriol Bohigas, Herzog & De Meuron, Miralles e altri, e prima ancora J. A. Coderch, H. Piñon, A.Viaplana, ecc. –, la città è profondamente cambiata sul piano urbanistico e architettonico con le Olimpiadi 1992. Quelle che Roma non ha voluto, forse perché incapace di dare realmente un ruolo centrale allo spazio pubblico e all’architettura come è stato invece per la città catalana in cui, tra l’altro, vediamo la raffinata progettazione del design degli spazi aperti, dalle panchine ai sistemi di illuminazione, dalla pavimentazione alle pensiline, alle aree a verde. I dettagli: qualità estetica e funzionale a Barcellona sono importanti.

Nan by Guimerà i Cinca (Estiluz

Davanti alla piazzetta di Palazzo Isimbardi segnaliamo la scultura “L’Uomo della Luce” (2008) dell’artista spagnolo Bernardì Roig, omaggio alla città della Provincia di Milano e della Triennale per ricordare tutte le vittime del terrorismo e delle stragi. L’opera di Roig raffigura una figura umana imponente che arranca in equilibrio su un asse di ferro inclinata, sulle spalle un fascio di diciassette tubi di luce fluorescente, anch’essa bianca, che tuttavia non illumina il suo cammino: egli avanza nell’incertezza del buio. In bronzo patinato ad acido bianco, l’opera è concepita per restare con le luci accese tutto l’anno, fatta eccezione per il 9 maggio, Giornata nazionale dedicata alle vittime del terrorismo.

Precedente INCONTRI IALD: SUSANNA ANTICO E DAVID GHATAN
Prossimo DUOMO DI CARPI, RESTAURO E LUCE