160 MILIONI PER GLI IMPIANTI SPORTIVI


160 MILIONI PER GLI IMPIANTI SPORTIVI

Firmato ieri da Anci e Credito Sportivo, presenti i vertici del CONI, il Protocollo d’intesa della durata di due anni che consentirà ai Comuni di attivare mutui a tasso agevolato per incentivare la promozione dell’attività sportiva nei territori attraverso l’impiantistica di base. In totale 160 milioni di euro saranno a disposizione dei Comuni per l’ampliamento, ristrutturazione, efficientamento energetico e messa a norma di impianti sportivi.
La dotazione di risorse messe in campo dal Credito Sportivo prevede 60 milioni di mutui a “tasso zero” di cui 24 milioni per interventi realizzati dai Comuni fino a 5 mila abitanti, 18 milioni per interventi nei Comuni medi (da 5 a 100 mila abitanti) e dalle Unioni dei Comuni ed altri 18 milioni per i Comuni capoluogo. I 60 milioni di prestiti a “tasso zero”, fino all’importo massimo di 2 milioni di euro su ciascun progetto, saranno assegnati con un avviso pubblico di prossima pubblicazione relativo a progetti definitivi e dovranno essere stipulati entro il 31 dicembre di quest’anno.
Per quanto riguarda gli interessi degli altri 100 milioni stanziati dal Protocollo, la riduzione del tasso sarà dello 0,70% e sarà l’intervento del Credito Sportivo per quanto riguarda i mutui dei privati che saranno garantiti fino al 80% del valore. In questo modo i Comuni saranno liberati dall’onere di concedere fideiussioni, spesso non rilasciabili per il limite all’indebitamento che gli enti hanno. E l’intervento del Credito Sportivo contribuirà a sbloccare opere spesso ferme da fideiussioni che i Comuni non possono concedere. I mutui a “tasso zero” previsti dal Protocollo tra Anci e ICS avranno un’attivazione immediata e a breve i Comuni interessati potranno inviare le loro richieste, che saranno precedute da una comunicazione a tutti gli ottomila Comuni italiani.

Precedente LUCE A BERGAMO ALTA
Prossimo Inaugurato a Praga il nuovo showroom di Flos