La luce è ciò che facciamo


Jody Pritchard e Kristin Peck
Epic System Campus Verona WI-1 (Photo © Jody Pritchard)

Intervista a Jody Pritchard e Kristin Peck, San Francisco

 

Quando avete deciso di diventate lighting designer? 
Entrambe ci siamo avvicinate all’ambito del lighting design quando eravamo ancora studentesse al college. Kristin, mentre studiava architettura strutturale, si è avvicinata alla luce approfondendo l’architettura prima dell’invenzione della luce elettrica. Era interessata a comprendere come gli edifici venissero modellati dai maestri per catturare e farvi muovere la luce naturale, per fornire funzionalità e ispirazione agli spazi. Mentre io studiavo interior design, disegno tecnico, scienza e geometria dell’illuminazione. Ironicamente Kristin che ha studiato ingegneria è un’artista nell’animo. Io che ho studiato interior design, sono una nerd  nell’animo. Ci compensiamo l’un l’altra, perfettamente.

Nei vostri progetti, realizzati e in corso, le sorgenti luminose sono sempre nascoste, incorporate all’architettura come parte strutturale. Possiamo parlare di lightecture? 
Il nostro lavoro è guidato da una visione unitaria tra architettura e interior design. È nostra responsabilità dare supporto, con la luce, a questa visione e sensibilità per lo spazio. Prendiamo spunto dalla luce del giorno e ne ricreiamo gli effetti con la luce artificiale, illuminando le varie superfici. Ci sforziamo di ottenere progetti senza tempo e visibilmente confortevoli. Le sorgenti quando sono visibili invecchiano velocemente, anche per questo nei nostri progetti abbiamo sempre considerato lo scorrere del tempo. Quando qualcuno cammina dentro uno dei nostri lavori, non vogliamo che dica “Guarda, che belle luci!”. Vogliamo che pensi “Questo è un gran bello spazio”. Occasionalmente il lighting design si spinge troppo in avanti (se questo fa parte del DNA del team), ma comprendiamo anche quando l’illuminazione deve sostenere l’architettura in silenzio e sparire negli interni.

 

Leggi su LUCE digitale

Precedente Illuminazione senza tempo e senza sforzo
Prossimo ArteVisione 2017