Minimalista la soluzione, massimo l’effetto luminoso


Sägerbrücke

Zumtobel sviluppa e realizza l’illuminazione di un nuovo ponte a Dornbirn con Supersystem outdoor, ottenendo un risultato di grande efficacia ed uniformità

Volge al termine il progetto che ha visto il radicale rifacimento dell’arteria principale di Dornbirn, Austria. Parte integrante di questo intevento è la realizzazione del nuovo Sägerbrücke che, oltre a conciliare una serie di funzioni di viabilità, è ora un highlight architettonico in grado di trasformare l’arte in parte integrante dello spazio pubblico. Fondamentale è stata la collaborazione con l’architetto Hugo Dworzak, l’urbanista Stefan Burtscher e l’artista Hubert Lampert, autore dell’installazione “Do.Helix”, vero colpo d’occhio al centro del ponte.
Snodo cruciale del centro di Dornbirn e del passaggio del trasporto pubblico, occorreva trovare una gestione intelligente del traffico, rendere agevoli le fermate degli autobus e migliorare la sicurezza di ciclisti e pedoni. Il risultato è stato raggiunto sfruttando l’ampia larghezza del ponte (37,5 m per 32,5 m di lunghezza), che ha permesso di concentrare il traffico veicolare in quattro corsie centrali, lasciando 7,5 m per lato ai marciapiedi, ciclabili, piazzole di sosta e attesa degli autobus.

La vera sfida per la soluzione illuminotecnica stava nella richiesta di posizionare gli apparecchi in due soli punti, all’inizio e alla fine del ponte, pur garantendo un’illuminazione uniforme lungo tutte le corsie, come previsto dalle normative. Apparecchi LED per esterni Supersystem outdoor, orientati in modo opportuno, sono quindi stati montati su due pali alti 13 m, inserendosi sobriamente nel contesto architettonico. Uno dei vantaggi della tecnologia LED è la libertà stilistica che consente grazie al suo ingombro ridotto. In questo caso i pali hanno una sezione di soli 300 x 300 mm: ognuno di essi contiene 13 apparecchi fatti di 18 tubi LED che rimangono quasi interamente incorporati. Suddivisi in gruppi di 6, i tubi LED sono puntati su zone precise del ponte. L’intera superficie ne ricava una luminosità del tutto omogenea, con ottimo comfort visivo e senza abbagliamento per chi transita. Su richiesta dell’amministrazione comunale la temperatura di colore è neutra, 4000 K: con questa tonalità il nuovo ponte risalta volutamente, come a sottolineare l’apertura del centro città. Supersystem outdoor, con la sua distribuzione precisa della luce e la potenza impegnata di soli 43W per apparecchio (560W per palo), si dimostra una soluzione decisamente efficiente. Con un design ridotto e un’alta qualità visiva per le persone, l’impianto lascia spiccare l’effetto dell’architettura che ha concepito il ponte come “isola” e valorizza l’installazione montata al centro.

Precedente Andiamo a vedere i video finalisti delle tre edizioni di Riprenditi la città
Prossimo Progettare la luce