La luce della nuova Ultima Cena di Leonardo


Ultima Cena di Leonardo
Giampietro Agostini - MILANO dal progetto “Chathedrals”

La “rinascita” del capolavoro vinciano procede anche attraverso un nuovo impianto d’illuminazione. Luci a Led per conservare, valorizzare e ammirare una delle opere del genio umano più conosciute e visitate del mondo. Giuseppe Napoleone, direttore del Cenacolo Vinciano, ha dichiarato: “Nel refettorio si è voluta una luce rispettosa della storia, dell’architettura e della realtà iconografica”.

Tanto è stato detto e scritto riguardo all’Ultima Cena di Leonardo da Vinci. Dagli studi accademici ai romanzi-fiction, non c’è ambito della creatività che quest’opera non abbia saputo stimolare nei secoli. Chissà se nel 1494, quando Leonardo dipinse l’opera nel refettorio di Santa Maria delle Grazie a Milano, i contemporanei si resero immediatamente conto della portata di quel gesto artistico?

Nell’articolo, per cortesia del fotografo Giampiero Agostini, anche un bellissimo scatto dell’Ultima Cena magicamente avvolta dalle ombre dei profili del pubblico. Un articolo di Francesca Tagliabue sul prossimo numero di giugno di LUCE, nelle maggiori librerie d’architettura.

Precedente Il Montforthaus è un centro di arte e cultura
Prossimo La grande luce nell’opera lirica