Odile Decq, architettura e luce


Il successo di Odile Decq inizia nell’ormai lontano 1990, quando la sede della Banque Populaire de L’Ouest e d’Armorique a Rennes, da lei realizzata in collaborazione con il suo socio storico Benoît Cornette, ottiene un vasto riconoscimento e decine di premi nazionali e internazionali, fra i quali il 9th International Prize for Architecture a Londra. Nel 1996 riceve il Leone d’Oro alla Biennale d’Architettura di Venezia. Tra le sue molte opere, ricordiamo il porto di Osaka in Giappone e l’ampliamento del MACRO (Museo d’Arte Contemporanea di Roma). Noi l’abbiamo incontrata per farci raccontare le sue lampade disegnate per Luceplan, e il rapporto tra architettura e luce nel suo lavoro.

 

Precedente Davide Groppi: illuminare l'anima
Prossimo La nuova luce di Plaza del Perrote