Hervé Descottes un francese a New York


Hervé Descottes
High Line Section (2011), New York, USA (photo © Emile Dubuisson)

Nel variegato mondo della luce internazionale una delle tante cose straordinarie che accadono è che sia Hervé Descottes, un francese, il più apprezzato e conosciuto lighting designer newyorkese, quello che ha collaborato a illuminare, dare profondità con luci e ombre, ai più importanti edifici dell’architettura contemporanea nel mondo. La sua visione della luce è capace di esaltare la percezione di uno spazio e il movimento attraverso di esso, questo è possibile grazie alla sua capacità di armonizzare l’illuminazione artificiale e naturale, fino a renderle un materiale dell’architettura stessa. Per Descottes la luce deve saper fare molte cose: portare emozioni e innescare ricordi, esaltare la specificità di un luogo, definirne i limiti visivi, le gerarchie e le sequenze spaziali, e nello sviluppo dell’architettura deve saper alternare periodi di movimento e di pausa. Tutto questo è reso possibile dal fatto che la luce si rivela all’occhio umano grazie alla reciprocità con i materiali, e che i materiali esistono solo in sua presenza, un rapporto di mirroring che valorizza entrambi i fattori dell’equazione.

Hervé Descottes
Nanjing Sifang Art Museum

Hervé Descottes
Kiasma Museum of Contemporary Art

Leggi l’articolo completo su LUCE digitale

 

Precedente Susanna Antico, professione non improvvisazione
Prossimo La luce di Marco Filibeck al Teatro alla Scala